whatsapp-arricchisce-le-chiamate-vocali-di-gruppo-con-alcune-novita

1012324?w=660

WhatsApp negli ultimi mesi ha espanso i confini della propria esperienza, mettendo maggiormente l’accento sulla dimensione plurale e comunitaria del servizio di messaggistica: oltre ad aumentare il limite di partecipanti ai gruppi a 512 persone, ha anche ampliato a 32 il numero di utenti che possono prendere parte ad una stessa chiamata vocale. E sono proprio le chiamate vocali di gruppo le protagoniste delle novità annunciate oggi dall’app di messaggistica.

NOTIFICHE, MICROFONO SPENTO E MESSAGGI PRIVATI

Ora che i partecipanti potenziali alle chiamate di gruppo possono arrivare fino a 32, servono più strumenti per poter gestire e ordinare il flusso delle conversazioni. Le funzioni inedite sono in totale tre, e arrivano sia sui dispositivi Android, sia su quelli iOS: ma vediamo in dettaglio di che si tratta.

  • Anzitutto, l’ingresso di un utente all’interno di una chiamata vocale di gruppo sarà ora segnalato da un banner di notifica che comparirà a schermo e reciterà “x si è unito alla chiamata“. In questo modo sarà più facile tenere traccia del pubblico cui ci stiamo rivolgendo – evitando magari figuracce inattese.
  • Il bar in cui si trova un vostro amico è troppo rumoroso e il microfono del suo smartphone non si lascia sfuggire nemmeno una sfumatura di quel caos, qualcuno dei partecipanti alla chiamata vi sta antipatico oppure volete semplicemente fare uno scherzo? Il team di WhatsApp ha messo a punto una funzione che tornerà sicuramente utile in questi ed altri scenari, ovvero la possibilità di mettere in muto l’audio di uno o più partecipanti ad una chiamata vocale di gruppo. Questa possibilità sarà aperta a tutti gli utenti coinvolti nella conversazione, e non sarà quindi esclusiva di chi ha avviato la chiamata.
  • Infine, nel corso di una chiamata vocale di gruppo sarà possibile finalmente inviare messaggi di testo agli altri partecipanti. Un’opzione decisamente comoda dal momento che spesso si può avere la necessità di condividere link su ciò di cui si sta parlando, o magari di cercare un contatto privato con uno o più dei partecipanti, senza condividere alcune informazioni a voce con tutto il gruppo.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE