viaggi-di-donne-che-cambiano-il-mondo-delle-donne

Donne che cambiano la visione delle donne, che viaggiano su itinerari diversi, che fanno rete in una nuova affermazione di sé, del proprio modo di essere, e che in alcuni casi promuovono una vera liberazione. 

Angelina Fadda ha fondato insieme al suo socio il tour operator «Girls in Italy», che organizza viaggi per donne che supportano il mondo delle donne.

Angelina e le donne madri del viaggio

«Le donne sono le madri del viaggio, ma spesso non vengono riconosciute nel loro ruolo», dice Angelina Fadda, 48 anni, che meno di due anni fa ha fondato un tour operator che si chiama Girls in Italy. «Ci siamo accorti che le aspettative delle donne nei confronti dei viaggi sono diverse, hanno una grande attenzione alla sostenibilità, agli itinerari meno noti, e alle esperienze di altre donne. Viaggi in cui la parte emotiva è al centro. Così abbiamo messo insieme le viaggiatrici e le abbiamo fatte incontrare con donne coraggiosissime che tengono vivi i territori a rischio di spopolamento o alla perdita di tradizioni. Le portiamo in Sardegna, in Calabria, alla scoperta del territorio e delle persone. Per una newyorkese in viaggio sola l’incontro con una donna sarda in un centro di 300 anime è fonte di ispirazione, è come aprire la porta a una consapevolezza diversa, ma anche le donne che accolgono le viaggiatrici hanno un riconoscimento, capiscono che che quello che stanno facendo ha un senso, magari non economico, ma è un modo di dare valore alla propria sapienza e cultura». Non il semplice viaggiare, quindi, ma viaggiare tra donne e per le donne. «Quello che ci guida è qualcosa di più grande rispetto alla semplice “organizzare di un viaggio”», continua Angelina, «Sono le coordinate etiche quelle su cui ci preme insistere. Tra chi viaggia e chi ospita è come se si attivasse un meccanismo di scambio e di dono reciproco. Le donne sono come madri che animano il settore dei viaggi e dovremmo essere sempre di più a riconoscere questo valore, dovremmo unirci, fare rete, sostenerci. Bisognerebbe ideare un contenitore per unire le donne che si occupano di turismo per facilitare il loro lavoro». 

Zina Bencheikh, e il sogno dell’indipendenza della donne in Marocco

E la rete si crea, si diffonde, perché sono sempre di più le donne del mondo dei viaggi che stanno cambiando il mondo delle donne. Un’icona nel campo è Zina Bencheikh. Ha 38 anni, è nata in Marocco, cresciuta in Canada e ha studiato in Francia, lavora nel mondo dei viaggi da 12 anni, oggi è EMEA Managing Director del tour operator australiano Intrepid Travel