“taxi-driver”,-il-capolavoro-di-martin-scorsese
Giorgio Carbone

Giorgio Carbone

Nato a Tortona (Al) il 19 dicembre 1941. Laureato in giurisprudenza a Pavia. Giornalista dal 1971. Per 45 anni coniugato all’attrice Ida Meda. Due figli. Critico cinematografico (titolare) per “La Notte” dal 1971 al 1995. Per “Libero” dal 2000 a oggi. Autore di tre dizionari: Dizionario dei film (dal 1978 al 1990); Tutti i film (dal 1991 al 1999); Dizionario della tv (1993).

Vai al blog

TAXI DRIVER

Sky Drama ore 22.30. Con Robert De Niro, Cybill Shepperd e Jodie Foster. Regia di Martin Scorsese. Produzione Usa 1976. Durata: 1 ora e 54 minuti

LA TRAMA

Travis (De Niro) è un reduce del Vietnam che lavora come tassista di notte nella New York degli anni 70.E’ solo come un cane. Gli unici rapporti umani sono quelli con una clientela frettolosa e non di rado ignobile. A furia di stare piegato su sé stesso, Travis sembra spesso sul punto di far esplodere la violenza che ha in corpo. Lo vediamo guatare un politico ai comizi e il suo sguardo pare quello dell’assassino di Kennedy. E invece per un caso folle e fortunato la violenza riesce a indirizzarla a fin di bene. Quando salva una giovanissima prostituta da una banda di criminali. Fa una strage ma diventa un eroe metropolitano. E riesce a sputare il rospo della solitudine.

PERCHÈ VEDERLO

Perché è forse il capolavoro di Scorsese, quello dove meglio è riuscito a raccontare il mal di vivere nella grande città. De Niro è nel suo momento migliore. E l’allora sconosciuta Jodie Foster si fa largo nel cast di nomi noti come battoncella teenager.