«sporco-bianco,-non-ha-parato-neanche-un-rigore»:-il-razzismo-dei-neri-contro-lloris

svg%3E


Parigi, 20 dic – Poteva essere il suo Mondiale, ma gli argentini gli hanno guastato la festa. Stiamo parlando di Hugo Lloris, l’estremo difensore del Tottenham e della Nazionale francese, di cui è anche capitano. Il portiere transalpino, infatti, si è distinto per ottime prestazioni durante Qatar 2022, ma nulla ha potuto contro Messi e compagni. Nonostante le parate con cui ha più volte salvato les Bleus, c’è qualcuno che in patria l’ha elevato a responsabile numero uno della sconfitta in finale contro l’Argentina. Non solo: Lloris, da «sporco bianco», avrebbe deliberatamente sabotato la Francia «nera».

Gli insulti al «bianco» Lloris

No, non è uno scherzo: è tutto verissimo. A denunciare il razzismo antibianco di tanti «afro-francesi» è stato il politico e opinionista Damien Rieu, che su Twitter ha pubblicato gli screenshot degli insulti a Lloris. Nel ricco florilegio di improperi indirizzati al capitano dei Bleus, si può ad esempio leggere che «Lloris ha preso tre gol e non ha parato nemmeno un rigore, sporco bianco». Poi, tanto per non farsi mancare nulla, fioccano anche le teorie del complotto: «Lloris è un venduto, si è visto che voleva far vincere i bianchi argentini, era l’unico bianco della nazionale francese». Infine – c’era da aspettarselo – fa capolino anche il vittimismo sul white privilege: «Lloris è titolare solo perché è bianco».  

Leggi anche: Qatar, bufera su Lloris: «Niente fascia pro Lgbt, rispetto la cultura del Paese ospitante»

Sostituzione etnica

Insomma, ha ragione Rieu a denunciare che «nessuno ne parlerà, ma c’è uno scatenamento d’odio razzista contro Hugo Lloris». In effetti, non si saprebbe come altro definirlo. Interessante, ad ogni modo, che per alcuni di questi «nuovi francesi» è inconcepibile che la Nazionale transalpina sopporti ancora un bianco nella sua formazione: «Lloris è l’unico bianco che giocava negli ultimi minuti della partita e ci ha fatto perdere», è per esempio il commento di un altro utente imbestialito. La sostituzione etnica, in pratica, non può e non deve essere fermata. Ormai lo rivendicano apertamente. Solo i globalisti insistono a dire che è una teoria cospirazionista inventata dalla destra. Chapeau.

Valerio Benedetti

Ti è piaciuto l’articolo?

Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.

Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.

Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

svg%3E