Situazioni drammatiche

Alcuni centri per anziani hanno vissuto negli ultimi giorni situazioni drammatiche. Presso la residenza Novo Sancti Petri, nel comune di Chiclana, in provincia di Cadice (nel sud del Paese), 22 anziani sono morti per un focolaio di coronavirus che ha lasciato almeno 79 residenti e 24 lavoratori contagiati . Le infezioni hanno iniziato a essere rilevate pochi giorni dopo che detenuti e dipendenti hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro il covid-19.

Qualcosa di simile è accaduto nel centro per anziani di El Salvador, a Lagartera, comune di Toledo a poco più di 150 chilometri da Madrid. Lì, dopo aver ricevuto la prima dose di siero contro il coronavirus, un focolaio ha lasciato tutti i suoi residenti contagiati tranne uno , di cui nove sono morti, tutti con precedenti patologie.

Un altro focolaio nel centro anziani Vitalia Parque Alcosa, a Siviglia, conta un totale di 62 casi accertati di contagio e la morte di 15 anziani.

Queste situazioni si verificano nonostante il fatto che i detenuti nelle residenze, così come quelli di età superiore agli 80 anni e le grandi persone a carico, siano gruppi prioritari e ricevano  vaccini da Pfizer e Moderna nella prima fase della campagna di vaccinazione, iniziata nel paese il 27 dicembre.