Sono tempi bui: seguiamo Dante come “I Fedeli d’amore”

sono-tempi-bui:-seguiamo-dante-come-“i-fedeli-d’amore”

Ospite di Vox Italia Edoardo Sylos Labini editore e fondatore di CulturaIdentità, di cui è in edicola il nuovo numero di gennaio, dedicato ai 700 anni della morte di Dante Alighieri: la Patria nasce con Dante, cioè con un poeta. La lezione dantesca è culturale e politica.

Eppure i sacerdoti del politicamente corretto se potessero metterebbero la mascherina pure a Dante: e non a caso, nel numero in edicola di CulturaIdentità c’è un’immagine dedicata alla furia iconoclasta del politicamente corretto che vorrebbe dare a Dante di islamofobo, antisemita e quant’altro, senza considerare il contesto.

L’idiozia del politicamente corretto ha raggiunto oggi livelli ineguagliabili: è il demonio di oggi e le anime belle che lo professano sono traditori della Patria. Non a caso Dante li mette nel cerchio dell’Inferno (Bruto, Cassio, Giuda).

E chi sono i traditori della Patria di oggi? Sono al governo e rappresentano il Governo dei traditori. E gli ignavi, dove li metterebbe Dante gli ignavi di oggi? Forse, tra i giornalisti, il direttore del quotidiano Il Fatto.

Bergoglio fa politica: non sembra un Papa. Non si occupa di spiritualità. Entra a gamba tesa nelle vicende dei cittadini.

“Prendete e vaccinatevi tutti”: sembra il nuovo obbligo morale imposto dalla Chiesa di Bergoglio. Almeno Papa Wojtyla era un attore! Tornasse Papa Wojtyla!

La crisi pandemica mondiale inizia con un’immagine dantesca, un’immagine dell’Inferno o del Purgatorio: il Papa che schiaffeggia quella fedele cinese.

Dante dove lo collocherebbe nella Divina Commedia? Non lo possiamo sapere: è appena iniziato il Reset Mondiale, chissà dove andremo a finire e chissà quale sarà il ruolo di Bergoglio insieme ai vari premier nazionali, che intanto hanno appena stretto un accordo pericoloso con la Cina: chiudono le aziende e i cinesi adesso sono pronti a comprare il nostro Paese.

Mentre il Governo prosciuga le ricchezze degli italiani, Bergoglio prosciuga la spiritualità delle persone: ridicolizza il senso del Sacro. C’è un lavoro simmetrico? Loro prosciugano i conti correnti e lui prosciuga le anime?

Le scelte di Bergoglio vanno di pari passo con le scelte globaliste, che chiudono gli account social di un Presidente USA reputato scomodo. E’ una compagnia di giro che la sinistra mondialista sa creare molto bene, basti pensare a quello che ha fatto in campo culturale. I social ormai sono tutti della sinistra globalista e chi non la pensa come loro viene messo da parte.

La UE è la faccia feroce di questo schema, ma guardiamo a casa nostra: il Paese sta fallendo e questi uomini indegni si scannano per le poltrone. Sanno benissimo che in caso di elezioni il centrodestra vincerebbe con più del 50%.

I 5 Stelle hanno fallito e verranno accusato di alto tradimento: sono stati un bluff, hanno preso in giro milioni di italiani.

Il sistema mediatico è ormai un sistema digitale social in mano al mondo globalista: sarà sempre più difficile comunicare. Dovremmo fare come Dante, che organizzò una setta segreta chiamata “I fedeli d’amore”, cioè quell’idea di Patria che piano piano si sarebbe venuta a formare. Sono tempi bui: gli intellettuali non schierati saranno costretti a comunicare in modo carbonaro.

Chi è la Beatrice di oggi? La nostra Patria. L’Italia è una donna straordinaria.

I nostri figli sono una generazione che rischia il vuoto pneumatico: sono ragazzi che non si sanno più ribellare. In Italia non si protesta più. Hanno tolto pure lo sfogo dello stadio. Nemmeno in guerra cinema, musei e teatri erano chiusi: e quando chiudi anche le palestre, chiudi il corpo e la mente dei cittadini, che così si trasformano in replicanti lobotomizzati con la paghetta del reddito di cittadinanza.

Il regime maoista che sta chiudendo accordi con il mondo globalista della UE è il connubio perfetto per renderci tutti schiavi. Si abbattano i Governi che aderiscono a questo progetto di distruzione dell’identità dei popoli.