“senza-la-bacchetta”,-l’autobiografia-di-tom-felton:-«dopo-harry-potter-sono-diventato-alcolista»

Tom Felton, il celebre attore di Draco Malfoy in Harry Potter, ha raccontato nella sua autobiografia la sua dipendenza da alcool e droga. Si intitola “Senza la bacchetta. Incanto e maledizione di un’adolescenza da mago“.

L’autobiografia di Tom Felton: cresciuto sul set di Harry Potter

Tom Felton Harry Potter
Tom Felton

L’attore britannico 35enne ha trovato il coraggio di raccontare al grande pubblico uno dei periodi più cupi della sua vita. L’autobiografia di uno dei protagonisti della saga di J.K Rowling, Draco Malfoy esce in occasione del  20° anniversario di Harry Potter. Nel memoir, Tom Felton, ripercorre le tappe della sua carriera e come quest’ultima abbia condizionato la sua vita privata. Quando Tom entra a far parte del mondo delle celebrità, ha appena 12 anni. Pagina dopo pagina, l’attore racconta che cosa significhi crescere assieme al proprio personaggio, vivere sul set sin da bambino. La prefazione di Senza la bacchetta (Vallardi) è curata da Emma Watson: “siamo anime gemelle” scrive riferendosi a Tom. Tra i due attori, infatti, c’è un profondo legame: in passato proprio Felton ha dichiarato di provare dei sentimenti per Hermione, che oggi definisce un’amica-sorella. Ma la parte più commovente di questo libro di memorie è quella in cui Tom parla a cuore aperto della sua dipendenza dall’erba e dall’alcol. Tutto è iniziato in concomitanza con il trasferimento a Los Angeles, evento che Tom descrive con grande lucidità e sincerità, senza mai scadere nell’autocommiserazione. “LA mi fece sentire particolarmente solo e dissociato da me stesso: sentimenti che, certo, potrebbero innescare turbe mentali in chiunque. Forse è più facile mascherarle seduto al di là della corda di velluto rosso o al volante di una Lamborghini arancione acceso” scrive. Nonostante l’affetto della sua famiglia e della sua fidanzata, Tom Felton ha iniziato a rifugiarsi nella droga a nell’alcol. Queste dipendenze si spinsero talmente tanto oltre da essere ricoverato in un rehab, dal quale racconta di essere fuggito.

“Passai dal non esserne particolarmente attratto al bere svariate pinte ogni giorno prima ancora che il sole tramontasse, e con ognuna di queste uno shot di whisky. […] Non credevo che l’utilizzo di sostanze che facevo giustificasse un intervento (da parte dell’agente e degli amici), ma sono felice che sia accaduto perché per un po’ mi trascinò via da un mondo che ormai mi rendeva infelice, mi permise di fare un po’ di chiarezza – ha ammesso a posteriori l’attore di Draco Malfoy

Senza la bacchetta, rappresenta una testimonianza volta a far capire che anche le celebrità, che tutti invidiano per la loro vita “perfetta”, soffrono.

Rossella Di Gilio

Seguici su Google News