Oggi è una delle attrici più amate dal grande pubblico. Qui in compagnia della grandissima Stefania Sandrelli. Avete capito di chi si tratta?

Una giovanissima Elena Sofia Ricci

Volto notissimo della fiction italiana, amatissima nei panni di Suor Angela, Elena Sofia Ricci è una delle attrici più apprezzate. In un post pubblicato sul suo account Instagram ufficiale, l’attrice ha pubblicato un vecchio scatto che ha emozionato i suoi tantissimi fans. In questo scatto, Ricci, aveva appena 14 anni, decisa ad intraprendere la strada che fu di suo padre Paolo Barrucchieri e di sua mamma Elena Poccetto. I suoi genitori sono stati due grandi protagonisti del cinema italiano lavorando nel dietro le quinte. 

Scrive Elena Sofia Ricci: “Queste foto sono un dono di Paola Barbaglia, fotografa di questo film cult. Avevo raggiunto mia mamma in Spagna dove giravano. Lei era la scenografa di questo film storico fatto da sole donne, con Stefania Sandrelli e Maria Schneider. Avevo 14 anni, facevo la comparsa e battevo il ciak. La gavetta”.

Leggi anche —-> Il Commissario Ricciardi, anticipazioni puntata 1 febbraio: l’omicidio della cartomante

Leggi anche —-> Carolyn Smith doloroso lutto: “Notizia scioccante, sono senza parole”

Il successo di Che Dio Ci Aiuti

In queste settimane, Elena Sofia Ricci sta tenendo incollati milioni di italiani al piccolo schermo con la sesta stagione di Che Dio Ci Aiuti. Fortunatamente per i telespettatori Ricci ha voluto strappare la sua regola di non rimanere troppo tempo in un ruolo. Ha spiegato in una recente intervista: Suor Angela è l’eccezione che conferma la mia regola di non volere rimanere troppo a lungo nello stesso personaggio. A me piace cambiare: storie, registi, generi”.

E ancora: “A suor Angela però torno sempre. La magia del mio rapporto con questo personaggio dipende da diversi fattori: il suo velo mi trasforma immediatamente in una sorta di supereroina e mi protegge in qualche modo; mi sta simpatica perché non è un ‘santino’ ma una ex galeotta, che non si pone mai come giudicante o bigotta ma è anzi meravigliosamente imperfetta, persino scorretta e un po’ peccatrice”. Conclude: “E’ molto tenace nel non mollare i suoi ragazzi finché non trovano una seconda possibilità, se non una terza”.