Nella telenovela che sbanca l’auditel del gossip si fa finalmente sentire la giovanissima romena. Che dal 2005 ha conquistato il cuore dell’ex portiere. E ne ha per tutti e tutte…

Walter Zenga, le sue tre ex mogli e i vari figli avuti con ognuna di loro sbancano l’auditel del gossip. Non appena Andrea Zenga (figlio di Roberta Termali, seconda moglie dell’ex portiere dell’Inter) è entrato nella Casa del Grande Fratello vip, è cominciata la telenovela. Riassunto delle puntate precedenti: a dare il “la” sono state le accuse di Andrea verso il padre, a suo dire assente e senza amore, in diretta tv; poi – proprio mentre tra loro era quasi pace fatta – il fratello Nicolò è tornato a bombardare (GUARDA). Ma Jacopo (figlio della prima moglie Elvira Carfagna) ha preso le difese dell’ex giocatore, e al coro “pro Zenga” si è unita anche l’ex compagna Hoara Borselli. Però Roberta Termali è tornata all’attacco (GUARDA). Mentre, per bocca del protagonista, arrivava il colpo di scena: “Non mi sono mai separato da Raluca”. Già, Raluca Rebedea: la terza moglie di Walter, che vive la sua dolce vita a Dubai, tra feste e gite in barca, con i figli più piccoli dell’ex calciatore, oggi allenatore: Samira Valentina, 11 anni, e Walter Mattia, 8. Ora ha deciso di far sentire anche la sua voce… e ne ha per tutti – FOTO PRIVATE | VIDEO PRIVATO

Nicolò Zenga (con mamma Roberta Termali) rincara la dose contro papà Walter: “È freddo e senza amore!” – ESCLUSIVO

“È UN PADRE TENERO E PREMUROSO” – Niente separazione né tantomeno divorzio. La giovanissima romena Raluca Rebedea (ha ben 22 anni meno di lui), sposata nel 2005, è ancora la terza moglie del 60enne Walter Zenga. “Non sono assolutamente separato da Raluca. Avevo messo un post che poi è stato rimosso dopo otto ore. Sembra la sagra del padrino e non mi sembra il caso…”, dice oggi l’ex portiere, smentendo il sé stesso di qualche mese fa (GUARDA). La conferma dell’unione arriva dalle parole di lei, che cominciano con una frecciata: “Il suo nome mi sembra sia diventato un trampolino di lancio per ottenere notorietà. Lui non è il pessimo padre che hanno descritto”, dice Raluca in un’intervista a Nuovo. “Con i nostri due bimbi è sempre stato presente, tenere e premuroso come pochi. Capisco che, per chi non vive insieme a noi, è difficile avere il quadro reale della bella famiglia che siamo”.

Walter Zenga, retromarcia a sorpresa: “Io e Raluca non ci siamo affatto separati” – GUARDA

“I SUOI INVITI ERANO SEMPE RIFIUTATI” – Poi rimanda alla mittente (leggi Roberta Termali), le accuse di essere assente per i loro figli (GUARDA): “Ricordo benissimo i tanti inviti che lui ha sempre rivolto loro ovunque vivessimo, in Serbia, in Turchia e qui a Dubai. So bene che non erano spostamenti facili per i bambini, ma Walter doveva essere presente alle partite e agli allenamenti. Farli venire da noi era il modo più semplice perché passassero un po’ di tempo insieme. Tante volte i suoi inviti venivano rifiutati, in altre occasioni Walter trovava di fronte a sé un muro di silenzio (…). Negli anni ha sempre provato a mantenere un rapporto affettuoso con i figli. Ogni volta che era in Italia li contattava per cenare e incontrarli, ma non sempre ha ottenuto i risultati che sperava. Se le idee della madre e del suo secondo marito abbiano influito o meno nelle scelte di Andrea e Nicolò, io non lo posso sapere”.

Walter Zenga, faccia a faccia al veleno tra i due figli (da madri diverse) Jacopo e Nicolò – LEGGI | FOTO | VIDEO

“FA COMODO FARE IL FIGLIO TRISTE” – E Raluca Rebedea si collega anche con barbara D’Urso, sempre da Dubai: “Non volevo intervenire, è un periodo della vita di Walter in cui non c’ero, ma ho trovato ingiusto che l’opinione pubblica potesse pensare che è un pessimo papà. Mi sono permessa di intervenire e dire la mia, visto che con i nostri piccoli è stato un papà iper presente che vuole partecipare in tutto. Mi ricordo durante gli anni gli inviti che ci sono stati. Sono venuti qui negli Emirati Arabi, li ho portati un po’ in giro, non avevo esperienza da mamma, ma penso ci siamo divertiti. Era il 2007, erano piccolini, ma abbastanza grandi per poter viaggiare da soli. Quando ci siamo sposati in chiesa facendo anche il battesimo di Samira, nel 2010, li abbiamo invitati in Romania: Nicolò è venuto, Andrea ha rifiutato. Anche al battesimo di Walter Junior abbiamo rilanciato l’invito e non c’è stata risposta. Io non mi sarei intromessa perché devono risolvere le cose con il padre tra di loro, ma Walter non merita questo. Fa un po’ comodo fare il figlio triste – ha aggiunto Raluca -, io posso capire, ma anche a Walter Andrea è mancato. L’amore di un genitore non si divide quando si ha più figli, ma si moltiplica. Io ai figli di Walter li ho conosciuti da piccoli, erano dolcissimi, tenerissimi. Se si dovessero vedere seduti a un tavolo secondo me partirebbe l’abbraccio