“Rai mi disse no perché omosessuale”/ “Ero l’unico attore gay italiano”

“rai-mi-disse-no-perche-omosessuale”/-“ero-l’unico-attore-gay-italiano”

Leo Gullotta racconta i suoi 60 anni di carriera

Leo Gullotta non ha bisogno di presentazioni, celebre attore teatrale e cinematografico, a brevissimo festeggerà i suoi 60 anni di carriera, iniziati come spesso accade ai migliori, per caso. L’ha raccontato nella sua autobiografia, “La serietà del comico“, che parte proprio dal Fortino, il quartiere popolare di Catania in cui nacque nel ’46, ultimo di sei figli.

“Papà Carmelo era pasticciere e poi operaio”, la madre casalinga, e Leo Gullotta non si avvicinò al teatro primo del 1960. “Un giorno nei corridoi della mia scuola trovai un manifesto del Centro Universitario Teatrale: bandivano due mesi di corsi per solo dodici allievi”, racconta nella biografia, “non sapevo cosa fosse né di cosa si trattasse, ma ero curioso, notavo questa fila di universitari molto più grandi di me. Mi sono messo in coda” e tutto è iniziato. Nel ’62 la primissima parte, in Mastro Don Gesualdo, dove conobbe Enrico Maria Salerno e Turi Ferro. “Quando mi trovai al bivio, se fare l’insegnante o l’attore”, scrive Leo Gullotta, raccontando di quando decise di frequentare la scuola d’arte e lo disse a suo padre,…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi