“prince-of-thieves”,-james-marsh-tocca-bene-le-corde-di-commedia-e-suspense

PRINCE OF THIEVES
Iris ore 21. Con Michael Caine, Michael Gambon, Jim Broadbent. Regia di James Marsh. Produzione Gran Bretagna 2018. Durata: 1 ora e 48 minuti

LA TRAMA
Sembra una storiella giallo rosa giocata sul filo dell’improbabilità e invece è tutta vera e finì sui giornali inglesi circa sei anni anni fa. Nel 2016 nel quartiere di Hatton Garden a Londra, famoso per le molte gioellerie venne svuotato un caveau. Bottino: 14 milioni di sterline. Autori del colpo, quattro anziani malavitosi, ai quali era venuta a noia la vita da pensionati (però si fecero aiutare da un giovane esperto d’informatica, altri non sarebbero riusciti a superare gli odierni sistemi  di sicurezza). All’indomani del colpo grosso, però cominciano a litigare tra loro, cosicchè la polizia non impiega molto tempo a individuarli.

PERCHÈ VEDERLO
Perché il regista sa toccare bene le corde della commedia (il gustoso ritratto di vecchiaie non dome) della suspense (l’esecuzione del colpo) della vecchia morale del delitto che non paga. Caine è il mattatore, ma gli altri tre (Broadbent, Winstone, Gambon) non demordono mai quando si tratta di rosicchiare lo spazio di una scena.