Pillole su Capitol Hill, Berlusconi dimentica Brunetta, Muccioli ricorda i Moratti, Sileri bombarda il Cts

pillole-su-capitol-hill,-berlusconi-dimentica-brunetta,-muccioli-ricorda-i-moratti,-sileri-bombarda-il-cts

Fatti, nomi, numeri, curiosità e polemiche. I tweet di Michele Arnese, direttore di Start, non solo su Capitol Hill e Sileri…

 

RENZI IN CRISI O CRISI DI GOVERNO?

 

PILLOLE SU CAPITOL HILL

 

BERLUSCONI DIMENTICA BRUNETTA

 

SANPA SECONDO ANDREA MUCCIOLI

 

ASPESI SU MUCCIOLI

 

TENSIONI TEUTONICHE

 

MODERNA E AIUTI STATALI VIRALI

 

LE BORDATE DI SILERI

+++

ESTRATTO DI UN ARTICOLO DEL CORRIERE DELLA SERA SUL LIBRO DI SILERI E CECCHI PAONE:

Il 2020 del viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri alle prese con la pandemia è stato un anno di dispiaceri, culminato nella richiesta di dimissioni del segretario generale. Rabbia che arriva da lontano: «Quando ho avuto il Covid, mi ha fatto soffrire essere tagliato fuori», racconta al Corriere, «dal Cts non mi hanno mandato un verbale, un rapporto, niente. Eppure potevo lavorare, contribuire. Nei primi mesi la comunicazione è stata difficile. Provai a inserire una mia osservatrice e l’allontanarono, pare, addirittura, in quanto donna. Il segretario del ministero Giuseppe Ruocco, che doveva essere il trait d’union, era ed è spesso assente alle riunioni. È possibile non tenere aggiornato il viceministro? Ho dovuto scoprire dai Tg il primo caso di due cinesi positivi in Italia. Mi hanno costretto a leggere anche cento pagine in sede, vietandomi le fotocopie».

La genesi dello scontro è tutta fra le righe del libro Covid Segreto, edito da PaperFirst e scritto con Alessandro Cecchi Paone. Fra l’altro, vi si svela l’origine della «guerra dei virologi», col divulgatore scientifico che accusa che «il Cts nasce come centro di potere romanocentrico e maschilista» e il viceministro che aggiunge: «Formazione e gestione del Cts sono all’origine della rissosità fra infettivologi, virologi, epidemiologi».

Racconta Sileri che lui provò ad avere un Cts «più snello e con sottotavoli on demand di esperti di diversi territori e specializzazioni»: «Proposi Massimo Galli, mi fu detto no; Maria Rita Gismondo e mi fu detto no. Ancora prima di Codogno, proposi Alberto Zangrillo perché aveva fatto la rete Ecmo e non fu coinvolto. Verso fine luglio, vedevo le liti in tv e chiesi di allargare anche ad Andrea Crisanti e altri. Dissi: così, se devono discutere lo fanno a un tavolo istituzionale. E mi sembrava essenziale introdurre clinici, specie del Nord dove avevano visto tanti pazienti. Da chirurgo spiegai che se devo operare qualcuno faccio un briefing con oncologo, radiologo, anestesista… e che se il paziente assistesse direbbe: grazie, non mi opero. Qualcuno si offese e pensò che volevo mandarlo via».