“per-i-ragazzi-gli-smartphone-sono-come-la-cocaina”.-il-documento-del-senato-che-lanciava-l’allarme-sull’uso-eccessivo-dei-cellulari-da-parte-dei-ragazzi

shutterstock 1208129407

La circolare del Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, che vieta l’uso dei cellulari a scuola, è stata allegata ad un documento di ben 4 anni firmato dall’ex senatore di Forza Italia Andrea Cangini. Un rapporto che spiega l’indagine conoscitiva dedicata proprio sull’uso, o meglio, abuso del web e degli strumenti digitali nei ragazzi.

Ci sono i danni fisici: miopia, obesità, ipertensione, disturbi muscoloscheletrici, diabete. E ci sono i danni psicologici: dipendenza, alienazione, depressione, irascibilità, aggressività, insonnia, insoddisfazione, diminuzione dell’empatia“, si legge in apertura del documento.

Ma a preoccupare di più è la progressiva perdita di facoltà mentali essenziali, le facoltà che per millenni hanno rappresentato quella che sommariamente chiamiamo intelligenza: la capacità di concentrazione, la memoria, lo spirito critico, l’adattabilità, la capacità dialettica…“, si sottolinea.

Secondo il relatore Cangini che ha seguito l’indagine “sono gli effetti che l’uso, che nella maggior parte dei casi non può che degenerare in abuso, di smartphone e videogiochi produce sui più giovani. Niente di diverso dalla cocaina. Stesse, identiche, implicazioni chimiche, neurologiche, biologiche e psicologiche“.

Tutto questo, viene sostenuto, riporta il documento, “ciascuno dal proprio punto di vista scientifico, la maggior parte dei neurologi, degli psichiatri, degli psicologi, dei pedagogisti, dei grafologi, degli esponenti delle Forze dell’ordine auditi. Un quadro oggettivamente allarmante, anche perché evidentemente destinato a peggiorare“.

Tutte le ricerche internazionali citate nel corso del ciclo di audizioni giungono alla medesima conclusione: il cervello agisce come un muscolo, si sviluppa in base all’uso che se ne fa e l’uso di dispositivi digitali (social e videogiochi), così come la scrittura su tastiera elettronica invece della scrittura a mano, non sollecita il cervello. Il muscolo, dunque, si atrofizza”, prosegue il rapporto.

E ancora: “Dal 2007, anno in cui debutta lo smartphone, depressioni e suicidi tra i giovanissimi hanno raggiunto percentuali mai viste prima. Sono quasi raddoppiati, e quel che preoccupa è che il trend appare

in costante ed inesorabile ascesa. Stessa tendenza, in rapida crescita, riguarda i casi di autolesionismo, di anoressia, di bulimia. Manifestazioni di disagio giovanile sempre esistite, ma che oggi si autoalimentano sui social e nelle chat esaltando anziché scoraggiando i ragazzi e in modo particolare le ragazze dal metterli in pratica“.

Documento_Senato_Sull’impatto_del_digitale_sugli_studenti

CIRCOLARE 107190.19-12-2022

Stop ai cellulari in classe, la CIRCOLARE. Il Ministro: “Spenti o raccolti in una cassettina fuori dall’aula”. Studenti non ci stanno: “Noi nativi digitali”