parodia-magnifica:-come-curare-e-coltivare-questa-pianta-grassa-fiorita

La Parodia magnifica è una pianta grassa molto amata per il suo elevato potere decorativo. A fine primavera, infatti, comincia a produrre numerosi fiori grandi e dalle tinte vistose. Ne esistono diverse varietà e tutte sono piuttosto facili da coltivare. Sono perfette nei giardini rocciosi e nei giardini di cactus e succulente, ma si possono coltivare anche in vaso, per tenerle all’interno. Il nome di questa specie botanica fa riferimento all’esperto argentino Lorenzo Raimundo Parodi.

La Parodia magnifica, una pianta grassa dai grandi fiori colorati

Caratteristiche della Parodia magnifica

Appartenente alla famiglia delle Cactaceae, la Parodia magnifica (che si pronuncia Paròdia) è una piccola pianta grassa, molto semplice e graziosa originaria dell’America meridionale. È molto diffusa soprattutto in Brasile.

Ecco le sue caratteristiche fisiche:

  • Forma: tondeggiante
  • Fusti: dapprima hanno un portamento globuloso poi, col trascorrere del tempo, assumono una struttura colonnare. Di colore verde-bluastro, hanno tra le 11 e le 15 coste. Sono ricoperti da tubercoli disposti a spirale o in file regolari. Sull’apice ci sono areole grigie e lanuginose con sottili spine giallognole
  • Fiori: in primavera compaiono bei fiori di vario colore in base alle diverse varietà: gialli, rossi, rosa o viola
  • Frutti: piccoli e di forma ovale compaiono a fine estate. Contengono numerosissimi semini fertili

Varietà

Nel genere Parodia sono state inglobate varie specie di cactus. Per questo ne esistono varie specie, da quelle piccole e a forma sferica, ai cactus a portamento colonnare.

Andiamo a conoscere più da vicino le più diffuse:

  • P. buiningii: specie rara diffusa in Brasile ed Uruguay. Dalla forma sferica, può raggiungere un’altezza di 8 centimetri. È ricoperta da lunghe spine gialle e produce fiori anch’essi gialli
  • P. nigrispina: specie endemica del Paraguay, dove cresce in zone a prevalenza rocciosa
  • P. warasii: nota anche come Eriocactus warasii e Notocactus warasii, questa varietà è un cactus proveniente dal Brasile. Dal fusto globuloso o cilindrico, può arrivare a misurare 6 cm di altezza. Nei mesi centrali estivi produce fiori gialli molto grandi e dai particolari petali lucidi. Varietà semplice da coltivare e che richiede tanta luce
  • P. microsperma: specie che si contraddistingue per le spine giallo oro e i fiori gialli che compaiono sull’apice della pianta
  • P. mutabilis: specie che presenta costolature piatte, areole ricoperte da una sottile lanugine e spine uncinate. Produce fiori gialli
  • P. catamarcensis: con areole lanose da cui emerge una spina rossa, produce fiori di colore bianco-giallastro
  • P. sanguiniflora: specie che presenta areole con spine corte con al centro una spina scura a forma di uncino. I fiori sono rosso scuro
Parodia magnifica
Una pianta grassa molto amata per il suo potenziale decorativo.

Quando fiorisce la Parodia magnifica

Fiorisce a partire dai 2-3 anni di età. In estate, la maggior parte delle varie specie produce numerosi fiori grandi e in colori vivaci e brillanti.

Come coltivare la Parodia magnifica

Questa particolare cactacea è coltivabile sia in piena terra che in vaso. Vediamo le principali differenze per capire quando conviene una tecnica colturale o l’altra.

  • In piena terra: in zone con clima mite, con temperature invernali che non scendono sotto i 4°C. Le piante vanno sistemate in posizioni soleggiate ma ben riparate (in estate non deve infatti ricevere i raggi diretti del sole)
  • In vaso: l’opzione più consigliata, utilizzando piccoli vasetti di terracotta aventi diametro quasi uguale a quello del fusto, riempiti con del compost neutro o leggermente acido costituito da terra concimata e sabbia grossolana per favorire il drenaggio. I vasi vanno poi posizionati in zona molto assolate, e le piante annaffiate regolarmente da marzo a ottobre, solo quando la terra è completamente asciutta. In inverno, nebulizzare il terreno per mantenerlo umido

Consigli per la cura della Parodia magnifica

Come per quasi tutte le cactacee, la coltivazione è piuttosto semplice. È fondamentale non far mai mancare a questa pianta la luce in quanto tende a diradare le radici e quindi si corre il rischio che ne rimanga priva del tutto.

Ma vediamo più nel dettaglio i parametri da considerare e a cui fare attenzione per coltivarla al meglio e mantenerla bella e in salute.

  • Esposizione: ama i luoghi molto luminosi; tuttavia, durante i mesi più caldi, va spostata in un luogo semi ombreggiato per ripararla dai raggi diretti della luce solare
  • Clima: nonostante possa riuscire a sopravvivere a brevi gelate, la temperatura non deve scendere al di sotto dei 6-8°C
  • Terreno: per la coltivazione in piena terra, il substrato ideale è leggero, sabbioso e ben drenato. In vaso, va bene un terriccio ideale per piante grasse a cui aggiungere dell’argilla espansa per favorire il drenaggio
  • Annaffiatura: va irrigata con regolarità ogni 3-4 giorni aspettando tra un’annaffiatura e l’altra che il terreno sia del tutto asciutto. In autunno e in inverno, invece, le irrigazioni vanno completamente interrotte. Le piante allevata in casa richiedono invece almeno una annaffiatura mensile anche durante i mesi freddi
  • Concimazione: da maggio ad agosto, somministrare ogni 2 settimane del concime liquido, specifico per piante grasse, povero di azoto e ricco in potassio, diluito nell’acqua delle annaffiature
  • Potatura: non necessaria
Parodia magnifica
I suoi fiori sono tipicamente gialli, ma esistono anche varietà che fioriscono in colori diversi.

Rinvaso

Essendo una pianta piuttosto piccola e che cresce abbastanza lentamente, di media, il rinvaso si esegue ogni 3-4 anni. Ovviamente va utilizzato un vaso un po’ più grande del precedente, riempito con del terriccio universale mescolato a sabbia di fiume e lapillo per favorire il drenaggio e consentire alle radici di svilupparsi in maniera equilibrata.

Moltiplicazione

Il metodo più diffuso per la moltiplicazione è per seme. I suoi semi sono minuscoli e vanno quindi maneggiati con estrema delicatezza, premendoli cautamente su una base di sabbia fine. Il vassoio con semi e terriccio va quindi posizionato in un luogo ombreggiato e ad una temperatura di circa 21°C. Quando la pianta avrà raggiunto una grandezza adeguata, si potrà procedere con il suo invasamento.

Il periodo ideale per la semina è la primavera. Volendo procedere in inverno, è bene eseguirla all’interno di un semenzaio riscaldato.

È possibile anche la riproduzione tramite polloni basali, da staccare delicatamente e rinvasare subito in terreni ben drenati.

Parassiti e malattie

I suoi principali nemici sono gli acari e i parassiti come la cocciniglia. Questi sono soliti provocare macchie scure a livello fogliare. È possibile rimuoverli manualmente utilizzando un batuffolo di cotone imbevuto nell’alcool oppure lavando le foglie della pianta con del sapone.

Come già accennato, in inverno, la Parodia tende a perdere le radici. Per questo motivo, è bene sistemarla in luoghi in cui la temperatura non scende sotto i 10°C.

Parodia magnifica

Significato della Parodia magnifica

Come tutte le piante grasse, anche la Parodia Magnifica, nel linguaggio dei fiori, rappresenta la tenacia e la resistenza, da cui dipendono la capacità di superare ogni genere di avversità.

Approfondimenti tematici

Se ti piacciono le piante grasse, potrebbero interessarti anche questi altri post:

Leave a Reply