“Nasce ‘Insieme’, il nuovo partito di Conte”: ma il premier smentisce

“nasce-‘insieme’,-il-nuovo-partito-di-conte”:-ma-il-premier-smentisce

C’è o non c’è. Se c’è ancora non si vede. Comunque già si smentisce. E’ il caso, una specie di mistero, del partito politico del premier Giuseppe Conte. Insieme, si chiamerebbe, come se non bastassero pettegolezzi politici in queste ore. Se dovesse cadere il governo, nell’eventualità in cui si andrà al voto, la formazione sarebbe pronta. La notizia è cominciata a circolare questo pomeriggio sui social network. Poi la conferma di Radio Popolare. E infine secca la smentita.

“A quanto risulta a Radio Popolare – si legge in una nota dell’emittente milanese – Giuseppe Conte è andato nei giorni scorsi da un notaio romano e ha depositato nome e marchio del suo nuovo movimento politico. Il nome sarà ‘Insieme”. Secondo questa versione un premier quindi pronto a fare di necessità virtù, dopo il faccia a faccia con Matteo Renzi, le tensioni nell’esecutivo, i quasi tre anni al capo del governo, galleggiando su due maggioranze completamente opposte. E quindi a raccogliere i frutti della gigantesca notorietà scaturita dalla sua presidenza del Consiglio dei ministri nell’anno della pandemia da coronavirus.

D’altronde l’ha detto lo stesso Palazzo Chigi: “Se il leader di Iv Matteo Renzi si assumerà la responsabilità di una crisi di governo in piena pandemia, per il presidente Giuseppe Conte sarà impossibile rifare un nuovo esecutivo con il sostegno di Iv”. E quindi o si crea una nuova maggioranza o si va alle urne. E in quel caso Giuseppe Conte correrà per un Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, come da più parti ipotizzato in questi giorni. Vallo a capire.

E’ comunque ancora tutto in ballo, nella maggioranaza, in queste ore. Passa comunque pochissimo che Palazzo Chigi smentisce seccamente lo scoop di Radio Popolare. Rocco Casalino fa battere alle agenzie che non è stato depositato alcun nome e marchio. Fine della storia, forse.

L’articolo “Nasce ‘Insieme’, il nuovo partito di Conte”: ma il premier smentisce proviene da Il Riformista.