Myss Keta: Tommaso Zorzi svela qual è il suo vero nome

28 Feb 2021 Fabiano Minacci
• Tempo di lettura:
2 minuti

Myss Keta ha collaborato con la trasmissione X Factor, è stata imitata a Quelli che il calcio ed ha calcato pure il Festival di Sanremo insieme ad Elettra Lamborghini, insomma: nell’ultimo anno è stata sulla bocca di tutti.

Il personaggio di Myss Keta è interessantissimo ed ha attirato numerosi curiosi dato che canta con uno pseudonimo, non mostra mai la sua faccia e nessuno sa chi sia. Insomma, è un Cantante Mascherato ancor prima dell’arrivo di Milly Carlucci.

E se due anni fa qualcuno ha presumibilmente scoperto la sua vera faccia (le foto le potete trovare premendo qua), oggi – grazie a Tommaso Zorzi – abbiamo scoperto quale sia il suo ipotetico vero nome.

Il fatto è successo durante l’ultima festa organizzata dal GF Vip, quando Tommaso Zorzi – rivolgendosi direttamente agli autori – gli ha chiesto: “Vi prego mettete Le Ragazze di Porta Venezia di Myss Keta, perché io sono una ragazza di Porta Venezia e sono sei mesi che non ascolto Le Ragazze di Porta Venezia“.

A questo punto Andrea Zelletta ha chiesto: “Si chiama Fede lei?“, ottenendo subito una risposta da parte di Zorzi: “No, Monica“.

Tommaso spoilera il vero nome di MYSS KETA #GFVIP #TZVIP pic.twitter.com/PosdGWQrAR

— Nico Insalata (@nicoinsalata) February 28, 2021

E pensare che in qualche modo Myss Keta ce lo aveva fatto capire nel 2018 con il singolo Monica, dedicato a Monica Bellucci.

Chiamami Monica

Monica


Call me Monica


Monica

Myss Keta, ecco perché porta la maschera

Ospite a L’Assedio di Daria Bignardi, Myss Keta ha confessato perché porta la maschera.

“L’anonimato rende liberi, datemi una maschera e vi dirò la verità, è vero. I pagliacci, i giullari di corte.. Erano gli unici che potevano dire la verità, erano gli unici a cui era permesso. Erano gli unici a cui veniva dato voce per le critiche. Io credo che la maschera di Myss Keta sia in parte legata a questa possibilità. Poi io andando avanti con il tempo ho ragionato moltissimo e mi sento vicinissima alla maschera del teatro greco. Ora penso che chiunque si metta mascherina e occhiali possa essere Myss Keta”.

Related Posts