“mi-ha-minacciata-con-un-coltello”,-racconto-da-brividi-di-mara-venier

Mara Venier col tempo ha ritrovato la sua serenità, ma non è stato così semplice scrollarsi di dosso un passato molto pesante

Sempre sorridente, seriosa quando serve e ricca di esperienze di vita: la conduttrice di Rai Uno ha sempre qualcosa da raccontare che sia più o meno felice. Questa volta, lungo un’intervista, ha svelato un racconto raccapricciante del suo passato.

mara venier
Mara Venier (websource)

In passate interviste, Mara Venier ha raccontato spesso di un amore tossico, violento che non le ha lasciato bei ricordi ma che, inevitabilmente, ha lasciato cicatrici indelebili nella sua memoria. La conduttrice di Rai Uno non ha mai nascosto il dolore per le percosse subite: “Ho avuto un ex compagno violento. Molto violento. Mi picchiava. È arrivato a cercare di uccidermi. Mi aspettò sotto casa e una sera andò oltre”. Un terribile evento che sarebbe potuto finire con un epilogo tragico.

Non a caso, Mara Venier è stata protagonista dello spot pubblicitario di Rai Uno in occasione del 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, con un videomessaggio che invita alla sensibilizzazione: “La gelosia, l’umiliazione, il controllo, la molestia. Oltre la violenza fisica esiste anche quella psicologica ed è anche tra le mura di casa. Se pensi di esserne vittima chiama il numero 1522”.

Mara Venier racconta del compagno violento: minacciata con un coltello

Mara Venier
Le lacrime di Mara Venier (Via WebSource)

Non è affatto semplice raccontare delle violenze subite e Mara Venier l’ha fatto con gli occhi lucidi lungo le colonne de Il Messaggero, cui ha confessato: “Un altro cerchio della mia vita che si chiudeva: quando ero poco più che ventenne sono stata oggetto della violenza, minacciata di morte con un coltello, stalkerizzata per anni. La Mara di oggi gli avrebbe fatto un paiolo così: quella del tempo era nelle mani di quest’uomo, che ora è morto, aveva paura a denunciare. Quando ho girato lo spot che parla di controllo psicologico, economico avevo la voce che si spezzava: era la mia storia. Ripensavo a quando la psicologa mi disse che rischiavo il suicidio, tra botte e umiliazioni. Mi sono ribellata a lei e lui“.

Adesso ha ritrovato la serenità accanto all’imprenditore Nicola Carraro: “Nel 2006 il matrimonio. L’unico che non voleva cambiarmi. L’unico che non è geloso del mio passato, anche degli uomini del mio passato. È lui a dirmi: hai chiamato Jerry Calà? Ci vediamo con Renzo Arbore?”.