Malika Ayane è mamma di Mia, la figlia avuta a 21 anni

Malika Ayane, oggi 36 anni, ha alle spalle non solo una carriera importante nel panorama della musica pop, ma anche una vita sentimentale piuttosto piena e travagliata. All’età di 21 anni infatti la cantautrice ha dato alla luce la piccola Mia, che oggi è una giovane ragazza di 16 anni. Diversi flirt (il più importante quello con Cesare Cremonini) e un matrimonio alle spalle con il regista e produttore Federico Brugi.

La giovinezza di Malika Ayane

Malika Ayane nasce il 31 gennaio 1984 a Milano, da padre marocchino e madre italiana. Durante gli anni della tarda adolescenza decide, per potersi mantenere, di lavorare come cameriera, ma senza mettere da parte la passione per la musica. Sono i primi anni 2000, quando Malika conosce un ragazzo per il quale perde la testa. Il loro amore viaggia veloce: nel giro di poco tempo i due vanno a convivere e dopo pochi mesi Malika scopre di essere incinta: “Ho avuto una figlia da un uomo con cui ho vissuto per anni. Ci siamo conosciuti e innamorati, dopo venti giorni vivevamo insieme, dopo sei mesi ero incinta e non è andata. L’amore passionale l’ho avuto ed è finito, come finiscono milioni di storie”, ha raccontato a Diva e Donna nel 2012.

L’amore per la piccola Mia

Mia nasce nel 2005 da un uomo del quale la cantante non ha mai voluto rivelare l’identità. La loro storia d’amore d’altronde si è consumata in poco tempo e così, mamma e poco più che ventenne, Malika sceglie di tirarsi su le maniche e di crescere Mia da sola: “Non ci sono alternative, oggi intanto sono una donna più rilassata e mia figlia mi guarda con amore”, ha raccontato guardando al passato, in un’intervista a Live non è la d’Urso nel 2019. Così, parallelamente l’artista porta avanti il suo lavoro da giovane mamma senza lasciare mai la musica. Le sue esperienze di vita oggi sono una lezione importante per Mia: “Se non hai la fortuna di incontrare subito una persona con cui stare tutta la vita, è sacrosanto cercare di essere felici, di non accontentarsi. È anche quello che tento di insegnare a mia figlia Mia, che ha finalmente l’età per capire che una madre bislacca non è necessariamente una tragedia”. 

Related Posts

Leave a Reply