L'era della sorveglianza di massa non durerà per sempre

l'era-della-sorveglianza-di-massa-non-durera-per-sempre

Quando lavoravo alla CIA, se mi avessi detto che presto sarebbe arrivata una ribellione giovanile che si basava sui laser e coni di traffico come spada e scudo, e che sarebbe arrivato a paralizzare uno dei governi più ricchi e potenti del mondo, almeno avrei sollevato un sopracciglio. Eppure, mentre scrivo queste parole quasi un decennio più tardi, questo è esattamente ciò che sta accadendo a Hong Kong, la città in cui ho incontrato i giornalisti per rivelare il segreto che mi avrebbe trasformato da agente di governo in uno degli uomini più ricercati del mondo. Come è accaduto, il libro che ora tieni tra le mani giaceva sulla scrivania, la scrivania dell'ultima stanza d'albergo che avrei mai pagato con una carta di credito.

Estratto da Fratellino & Homeland di Cory Doctorow, con una nuova introduzione di Edward Snowden. Acquista su Amazon .

Fotografia: Tor Books

Ciò che ho mostrato a quei giornalisti è stata la prova, sotto forma di documenti riservati del governo, che gli auto-descritti “Five Eyes” – lo stato organi di sicurezza di Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda e Canada — avevano cospirato insieme per indebolire le loro leggi. Avevano costretto l'accesso clandestino alle reti dei loro più grandi titani di telecomunicazioni e di Internet (alcuni dei quali non avevano avuto molto bisogno di torcere le armi) nel perseguimento di un unico obiettivo: la trasformazione di Internet libero e frammentato in primo nella storia mezzi centralizzati di sorveglianza di massa globale. Questa violazione della nostra privacy fondamentale si è verificata senza la nostra conoscenza o il nostro consenso, o anche la conoscenza e il consenso dei nostri tribunali e della maggior parte dei legislatori.

Ecco la cosa: sebbene la risposta globale a questa violazione sia stata furiosa , producendo il più grande scandalo dell'intelligence dell'età moderna, la sorveglianza di massa continua a funzionare oggi, praticamente senza ostacoli. Quasi tutto ciò che fai, e quasi tutti quelli che ami, viene monitorato e registrato da un sistema la cui portata è illimitata, ma le cui garanzie non lo sono.

Ma mentre il sistema stesso non è stato sostanzialmente modificato —Come regola generale, i governi sono meno interessati a riformare il proprio comportamento che a limitare il comportamento e i diritti dei propri cittadini — ciò che ha fatto il cambiamento è stato la coscienza pubblica.

L'idea che il governo stesse raccogliendo le comunicazioni di coloro che non avevano fatto nulla di male era stata trattata una volta come una teoria della cospirazione paranoica (o come argomento di narrativa istruttiva, come come il lavoro che stai per leggere). Improvvisamente, questa prospettiva era diventata fin troppo reale, il tipo di verità universalmente riconosciuta che può essere così rapidamente cancellata come ovvia e insignificante dal legname storto dei nostri operatori politici.

Nel frattempo, il le corporazioni del mondo digerirono la consapevolezza che la loro vergogna più oscura – la loro complicità intenzionale nei crimini contro il pubblico – non era stata punita. Piuttosto, questi collaboratori erano stati premiati attivamente, con immunità esplicitamente retroattiva o garanzie informali di impunità perpetua. Sono diventati il ​​nostro ultimo Grande Fratello, sforzandosi di compilare registrazioni perfette di vite private per profitto e potere. Da ciò è emersa la corruzione contemporanea della nostra Internet una volta libera, chiamata capitalismo di sorveglianza.

Stiamo arrivando a vedere fin troppo chiaramente che la costruzione di questi sistemi era meno basata sulla connessione piuttosto che su controllo: la proliferazione della sorveglianza di massa ha seguito con precisione la distruzione del potere pubblico.

ISCRIVITI

Iscriviti a CABLATO e rimani intelligente con altri dei tuoi scrittori preferiti Ideas .

Eppure, nonostante questa triste lettura dei miei sette anni in esilio, trovo più causa di speranza che disperazione, grazie in parte a quei laser e al traffico coni a Hong Kong. La mia fiducia non deriva da come vengono applicati – per abbagliare le telecamere e, con un po 'd'acqua, per contenere ed estinguere le bombe a gas di uno stato andato storto – ma in ciò che esprimono: l'irrefrenabile desiderio umano di essere liberi.

I problemi che affrontiamo oggi, di espropriazione da parte degli oligarchi e dei loro monopoli, e della privazione del diritto da parte degli autoritari e della loro classe politica comodamente prigioniera, sono tutt'altro che nuovi. La novità sta nei mezzi tecnologici con cui questi problemi sono stati radicati: per dirla semplicemente, i cattivi hanno strumenti migliori.

Hai sentito che quando tutto ciò che hai è un martello, ogni problema sembra un chiodo. Qui sta la follia di ogni sistema di regole il cui futuro si basa più pesantemente sull'onnipotenza dei suoi metodi che sulla popolarità del suo mandato. Ci furono momenti in cui gli imperi furono vinti da bronzo, barche e polvere. Nessuno sopravvive. Ciò che sopravvive a ogni bandiera dimenticata è la nostra più grande tecnologia, il linguaggio: l'impero della mente.

È vero che siamo stati spinti, come Marcus Yallow e i suoi amici, in una battaglia ineguale. Ma nessuna quantità della sorveglianza più perfetta, nessuna repressione o ricerca dell'affitto, può o cambierà chi siamo. Dagli studenti coraggiosi di Hong Kong ai brillanti cypherpunks di San Francisco, non passa giorno senza che gli individui cerchino i mezzi per ripristinare e migliorare i sistemi che governano la nostra vita. Abbiamo visto l'ingegno e l'invenzione dare origine a sistemi che mantengono i nostri segreti e forse le nostre anime; sistemi creati in un mondo in cui possedere i mezzi per vivere una vita privata sembra un crimine. Abbiamo visto individui soli creare nuovi strumenti – strumenti migliori – di quanto persino gli stati più grandi possano produrre. Ma nessuna tecnologia e nessun individuo saranno mai abbastanza da soli per ridurre a lungo gli abusi dei nostri stanchi giganti, con le loro politiche di esclusione e protocolli di violenza. Questa è la parte della storia che conta: che ciò che inizia con l'individuo persiste nel comune.

Il cambiamento di un'età richiede più di laser e coni di traffico: prende le mani che tienili.

Ti prende.


CORY DOCTOROW: Ho scritto Fratellino, il mio 11 romanzo di sorveglianza e resistenza, due anni dopo che l'informatore AT&T Mark Klein entrò negli uffici di San Francisco della Electronic Frontier Foundation per rivelare che gli era stato ordinato di costruire una stanza segreta in modo che l'NSA potesse spiare illegalmente su Internet. Negli anni successivi, la sorveglianza e la contro sorveglianza sono aumentate costantemente, motivando i nuovi informatori con nuove rivelazioni sull'uso dei computer in rete per affermare il loro potere.

Dieci anni fa questo mese, la Finlandia ha dichiarato l'accesso a Internet un diritto umano e la gente ha riso e sottolineato. Un decennio dopo siamo passati dal discutere sul fatto che tutto ciò che facciamo coinvolga necessariamente Internet al fatto ovvio che tutto ciò che facciamo lo richiede .

Ed Snowden prese una copia di Patria – il sequel di Little Brother – con lui quando lasciò la sua stanza d'albergo di Hong Kong e si diresse per l'esilio. Nell'introduzione a una nuova edizione di entrambi i libri, ristampata sopra, Snowden ha discusso i segni un tempo promettenti di una rivolta di Hong Kong, guidata dalle reti e favorita da un movimento globale di solidarietà online.

Oggi la rivolta di Hong Kong è in cenere e sono iniziati gli arresti di massa. Se hai mai avuto bisogno della prova che le reti sono bilanciate sul filo del filo della liberazione e dell'oppressione, eccolo qui.

C'è una storia che il movimento per i diritti digitali è iniziato perché i tecno-trionfalisti erano sicuri che Internet ci avrebbe resi tutti liberi; ma se hai quella certezza, perché preoccuparsi di iniziare un movimento? No, il movimento deve la sua esistenza al fatto che chiunque capisca la tecnologia abbastanza bene da apprezzarne il potenziale liberatorio è necessariamente terrorizzato dal suo potenziale di oppressione.


Estratto da LITTLE BROTHER & HOMELAND di Cory Doctorow. Copyright del fratellino © 2008 di Cory Doctorow; Postfazione di Bruce Schneier © 11 di Bruce Schneier . Copyright della patria © 2013 di Cory Doctorow. Introduzione copyright © 2020 di Edward Snowden. Ristampato su autorizzazione di Tor / Forge Books, una divisione di Macmillan Publishing Group, LLC. Tutti i diritti riservati.


Fotografie: Anthony Wallace / Getty Images; Miguel Candela / Getty Images; Niklas Halle'n / Getty Images; Barton Gellman / Getty Images

Altre fantastiche storie CABLATE


Quando acquisti qualcosa usando i link al dettaglio nelle nostre storie, noi può guadagnare una piccola commissione di affiliazione. Maggiori informazioni su come funziona .