l’appello-di-elisabetta-ii-ai-leader-mondiali:-“il-tempo-delle-parole-e-passato,-e-ora-di-agire”

Regina Elisabetta discorso cop 26

“È la speranza di molti che l’eredità di questo vertice, scritta nei libri di storia ancora da stampare, vi descriva come i leader che non si sono lasciati sfuggire l’opportunità e che avete risposto alla chiamata delle generazioni future.” Queste le dure parole pronunciate nel suo discorso per il Cop26 dalla Regina Elisabetta, dove incita le nazioni e i loro leader a sollevarsi dalle mere questioni politiche e fare fronte comune in questo momento critico per il nostro pianeta.

LEGGI ANCHE > Elisabetta II al voltante della sua Jaguar: la Regina torna a farsi vedere in pubblico

Ma non solo parole per la Regina, che sceglie di comunicare anche per immagini e lo fa indossando una spilla di diamanti e rubini, a forma di farfalla appuntata sul vestito, ed esibendo una foto che ritrae l’amato Filippo, “My dear late husband”, avvolto da un volo di farfalle monarca durante uno dei suoi viaggi in giro per il mondo nel 1988, in Messico. Il prossimo anno sarebbero stati 75 anni insieme, un traguardo mancato ma che porta sempre dentro di sé. Una foto uscita dall’archivio privato della regina solo una volta prima di ieri sera per una mostra a Windsor dedicata ai 90 anni di Filippo, nel 2011.

ricordo principe Filippo
Foto: PrPhotos

 

LEGGI ANCHE > Meghan e Harry, gli haters si scatenano: l’odio dilaga su Twitter

Il Duca di Edimburgo è stato paladino ambientale e, tra i fondatori del WWF, aveva visitato Sierra Chincua in Messico dove le farfalle erano in pericolo. Come ha ricordato la sovrana, Filippo già “nel 1969 a un convegno di esperti ammonì: ‘Se per ora l’inquinamento non è ancora un problema, è sicuro che nel futuro prossimo lo sarà’”, invitando a correre ai ripari. Il principe ci aveva visto lungo, lui da sempre appassionato di scienza e del mondo degli animali e della natura. Fu il primo esponente dei Windsor ad attraversare a bordo del Royal Yacht Britannia il Circolo polare, nel 1957 attraversò l’Antartico entrando poi nel cosiddetto Ordine del Red Nose, l’Ordine del naso rosso, riconosciuto ai marinai che hanno attraversato il circolo polare. Fu in quell’occasione che Filippo iniziò a scattare le prime foto a pinguini e altre specie animali, arrivando a sviluppare una vera passione per l’ornitologia e la conservazione delle specie. Passione trasmessa al figlio Carlo e adesso poi al nipote William. Un lascito morale e culturale che la regina non vuole che passi inosservato.

LEGGI ANCHE > Claire Foy: dopo lo straordinario successo di The Crown torna sul set per un’altra serie tv

Regina Elisabetta discorso Cop 26: tra problemi presenti e ricordi

“Nessuno di noi vivrà per sempre. Ma lo stiamo facendo non per noi stessi, ma per i nostri figli e i figli dei nostri figli e per coloro che seguiranno le loro orme.”, ha detto la Regina in questo discorso appassionato in cui ha sporonato tutti i rappresentanti delle nazioni in giacca e cravatta a prendere finalmente in mano la situazione: “Il tempo delle parole è passato, ora è tempo di agire“.

L'appello di Elisabetta II ai leader mondiali:
Foto: Youtube