la-wagner-e-un-esercito-indipendente-in-ucraina-(e-compra-armi-nordcoreane)

La compagnia mercenaria legata al Cremlino sta arruolando carcerati in Russia, portando il numero dei propri effettivi in Ucraina a circa 50mila unità. E intanto la Corea del Nord rifornisce di armi e missili questo vero e proprio esercito indipendente

La compagnia mercenaria Wagner Group sta reclutando carcerati per mandarli a combattere sulla linea del fronte a Bakhmut, nell’Est dell’Ucraina. Qui si gioca una partita importante della guerra e alcuni funzionari statunitensi sono preoccupati del fatto che la Wagner stia diventando sempre di più la forza militare russa predominante nell’area orientale del Paese.

La Russia sta ammassando grandi risorse nella zona, nonostante le pesanti perdite subite, mentre il gruppo mercenario continua ad arruolare nuovi combattenti, con la novità di unità femminili anch’esse reclutate nelle carceri in cambio dell’amnistia.

La Wagner, da milizia di supporto nell’annessione della Crimea e poi impegnata principalmente nel Donbass, avrebbe preso il comando di una serie di operazioni nel quadrante di Bakhmut e starebbe assumendo un ruolo sempre più decisivo nelle iniziative belliche. Cento milioni al mese sarebbe il budget speso dal gruppo per finanziare le operazioni in Ucraina, secondo il portavoce del Consiglio di Sicurezza nazionale Usa, John Kirby.

E intanto la Nord Corea invia armamenti al gruppo paramilitare. Sempre Kirby ha riferito che Wagner (leggi: il Cremlino) sta cercando in tutto il mondo armi e supporto materiale per proseguire la guerra. “Possiamo confermare che la Corea del Nord ha completato una prima consegna di armi alla Wagner, che ha pagato di tasca propria per l’equipaggiamento. Lo scorso mese, la Corea del Nord ha inviato missili e razzi”. Gli Stati Uniti stimano che la milizia privata abbia schierato in Ucraina circa 50mila unità, di cui 10mila contractor e 40mila carcerati russi.

Esiste poi l’aspetto psicologico. Come ha detto l’ex consigliere per la sicurezza nazionale del governo ucraino, Oleksandr Danylyuk, i nuovi arruolati sono “non posso dire impavidi, ma di sicuro non hanno nulla da perdere. Quindi ci attaccano costantemente, anche se ne sono stati uccisi parecchi”.

Di fronte a questi elementi, il capo della Compagnia, Evgeny Prigozhin, ha commentato dicendo che Kirby avrebbe una lunga storia di fare annunci basati su congetture. “Tutti sanno che la Corea del Nord non fornisce armi alla Russia da molto tempo”, ha affermato, bollando l’intera questione come “gossip e speculazioni”.

Mercoledì l’amministrazione di Joe Biden aveva annunciato nuove sanzioni proposte dal Dipartimento del Commercio per evitare che la Wagner possa comprare tecnologia statunitense e ulteriori sanzioni arriveranno nelle prossime settimane.