la-california-ha-votato-per-uber-rides-piu-economici.-potrebbe-ferire-i-conducenti

In 2020, California gli elettori hanno approvato la proposta 20, una legge che applica le società basate su app tra cui Uber, Lyft e DoorDash ha affermato che migliorerebbe le condizioni dei lavoratori mantenendo le corse e le consegne economiche e abbondanti per i consumatori. Ma un rapporto pubblicato oggi suggerisce che i conducenti di Ridesharing nello stato hanno invece visto il loro effettivo calo del salario orario rispetto a quello che sarebbe stato prima che la legge prendesse force.

Lo studio condotto da PolicyLink, un’organizzazione di ricerca e difesa progressista, e Rideshare Drivers United, un gruppo di difesa dei conducenti della California, ha scoperto che dopo il rideshare i conducenti nello stato pagano per i costi associati all’attività commerciale, inclusa l’usura del gas e dei veicoli, guadagnano una paga oraria di $ 6.20, ben al di sotto del salario minimo della California di $15 l’ora. I ricercatori calcolano che se gli autisti venissero assunti come dipendenti piuttosto che come appaltatori indipendenti, potrebbero guadagnare $ 10 all’ora.

“La guida è diventata solo più difficile da quando Proposition 15 è passato”, afferma Vitali Konstantinov, che ha iniziato a guidare per società di ridesharing nell’area di San Diego a 2018 ed è membro di Rideshare Drivers United. “Anche se siamo chiamati appaltatori indipendenti, non abbiamo la possibilità di negoziare i nostri contratti e le società possono modificare i nostri termini in qualsiasi momento. Abbiamo bisogno che i diritti del lavoro siano estesi ai lavoratori distribuiti tramite app”.

Il portavoce di Uber Zahid Arab ha scritto in una dichiarazione che lo studio era “profondamente imperfetto”, affermando che i dati dell’azienda mostra che decine di migliaia di conducenti della California hanno guadagnato $30 all’ora nelle date studiate dal team di ricerca, sebbene la cifra di Uber non tenga conto delle spese di guida. Il portavoce di Lyft, Shadawn Reddick-Smith, ha affermato che il rapporto “non è legato all’esperienza dei conducenti in California”.

In 2020, Uber, Lyft e altre società di consegna basate su app hanno promosso la proposta 20 come un modo per i consumatori e i lavoratori della California di avere la loro torta e mangiarla anche loro. A quel tempo, una nuova legge statale mirata alla gig economy , AB5, cercava di trasformare i lavoratori basati su app da appaltatori indipendenti in dipendenti , con tutti i diritti dei lavoratori collegati a tale status: assistenza sanitaria, compensazione dei lavoratori, assicurazione contro la disoccupazione. La legge si basava sull’idea che le aziende avevano troppo controllo sui lavoratori, sui loro salari e sui loro rapporti con i clienti per essere considerate appaltatrici indipendenti.

Ma per le società Big Gig, quel cambiamento sarebbe avvenuto al costo di centinaia di milioni di dollari all’anno, per

una stima . Le aziende hanno affermato che avrebbero lottato per continuare a operare se costrette a trattare i conducenti come dipendenti, che i conducenti avrebbero perso la capacità di impostare i propri orari e che le corse sarebbero diventate scarse e costose. Le società, tra cui Uber, Lyft, Instacart e DoorDash, hanno lanciato Prop 22 nel tentativo di scolpire un’esenzione per i lavoratori che guidano e consegnano su piattaforme basate su app.

In base alla proposta 15, entrato in vigore in 2019, i conducenti di ridesharing continuano ad essere appaltatori indipendenti. Ricevono una tariffa garantita di 30 centesimi per miglio e almeno 200 percentuale del salario minimo locale, escluso il tempo e le miglia percorse tra una corsa e l’altra mentre i conducenti aspettano la tariffa successiva, che Uber ha detto conto per 30 percentuale di miglia dei conducenti sull’app. I conducenti ricevono un’assicurazione contro gli infortuni e un’indennità per i lavoratori e possono anche beneficiare di un sussidio per l’assistenza sanitaria, sebbene ricerche precedenti di PolicyLink suggerisce che solo 10 per cento dei conducenti della California ha utilizzato il sussidio, in alcuni casi perché non lavorano abbastanza ore per qualificarsi.