La 77a Mostra del Cinema di Venezia si terrà dal 2 settembre con particolare attenzione alle opere italiane

la-77a-mostra-del-cinema-di-venezia-si-terra-dal-2-settembre-con-particolare-attenzione-alle-opere-italiane

Il Festival del cinema di Venezia metterà l'accento sul cinema italiano italiano a settembre tra la sua eclettica offerta di film internazionali , come il prestigioso festival nel suo 18 L'anno deve affrontare sfide senza precedenti ai tempi del coronavirus .

In un anno caotico che ha visto la cancellazione delle competizioni rivali, produzione cinematografica chiusa e cinema chiusi in tutto il mondo, il festival dell'amato canale italiano la città procederà dal 2 settembre a 01 con 18 film in lizza per la vetta premio, il Leone d'oro.

Auteurs con film nella competizione principale provengono da Messico , Azerbaigian, Israele , Russia , Iran, Giappone e India , tra gli altri paesi, hanno detto gli organizzatori.

“Il cinema non è stato travolto dallo tsunami della pandemia, ma mantiene una vitalità invidiabile”, ha dichiarato il direttore del festival Alberto Barbera.

Allo stesso tempo, ha avvertito che mancheranno alcuni “titoli spettacolari”, ancora bloccati dai blocchi in corso in tutto il mondo.

Anche così, “il cuore del festival è salvato”, ha detto Barbera.

Paparazzi-libera?

Quattro dei principali film in concorso sono italiani – Le Sorella Macaluso , dalla regista Emma Dante, che ha debuttato a Venezia in 2012; Padrenostro di Claudio Noce sull'ondata di terrorismo in Italia nel 1970 s visto attraverso gli occhi dei bambini; Notturno di 2013 Il vincitore del Leone d'oro Gianfranco Rosi, che è stato girato per due anni in Siria, e Miss Marx di Susanna Nicchiarelli sulla figlia più giovane di Karl Marx.

Il film di più alto profilo in concorso, che ha già avuto un po 'di brio all'Oscar, è il regista americano Chloe Zhao Nomadland , interpretato dal due volte vincitore dell'Oscar Frances McDormand e candidato all'Oscar “Miglior attore” David Strathairn.

Frances McDormand nel film Nomadland (Immagine: Searchlight Pictures)

L'apertura del Festival del cinema di Venezia, ma fuori concorso, sarà di Lacci di Daniele Luchetti (The Ties), un lungometraggio ambientato a Napoli su un matrimonio minacciato dall'infedeltà, la prima volta in oltre un decennio che il film di apertura di Venezia è stato italiano.

La Biennale di Venezia , come viene chiamata in italiano, ha preso di importanza fuori misura quest'anno poiché i festival cinematografici di tutto il mondo sono stati cancellati, incluso il principale concorrente di Venezia, il glamour Cannes Film Festival sulla Costa Azzurra, originariamente previsto per maggio.

Sebbene scene familiari di folle di paparazzi scattino fotografie di A-listers sul tappeto rosso e urlando fan dietro barricate sperando che gli autografi delle loro star preferite siano improbabili, il festival di quest'anno promette di offrire una vasta gamma di stili cinematografici, tra cui film d'autore, horror e gangster, documentari e commedie.

“Segno di ripresa”

Cinquanta paesi sono rappresentati nel festival e all'interno della competizione principale otto su 18 i film sono stati diretti da donne , una figura che Barbera definì “estremamente significativa”.

Il presidente del festival, Roberto Cicutto, ha detto ai giornalisti che l'offerta 2020 “ha non rinunciare alla quantità né al numero di film nella selezione ufficiale. ”

“Questo è un segno di recupero … È come un laboratorio, un test su come organizzare un evento così importante”, ha detto, aggiungendo che le misure di sicurezza includeranno posti vuoti tra gli spettatori, temperature rilevate agli ingressi e online -solo biglietti.

Altri festival annullati quest'anno includono il Telluride Film Festival in Colorado, il Tribeca Film Festival di New York e South by Southwest ad Austin, in Texas.

Cannes, il festival di più alto profilo da cancellare, conferirà un “Cannes 2020 “Etichetta su film selezionati che sarebbero stati proiettati sulla Croisette a maggio ma che saranno ora proiettati in anteprima in altri festival.

(Immagine principale e in primo piano: Lacci / La Biennale di Venezia)