La regina delle influencer commenta la situazione della popstar di Toxic.

06 Mar 2021 Fabiano Minacci
• Tempo di lettura:
3 minuti

Anche Kim Kardashian ha visto il documentario Framing Britney Spears (che è arrivato in Italia su Discovery Plus e Tim Vision) ed ha voluto condividere una riflessione con i suoi fan. L’ex moglie di Kanye West ha detto di poter capire quello che sta passando la principessa del pop, perché i media hanno tentato di distruggere anche la sua vita.

“Così alla fine ho guardato il documentario di Britney Spears questa settimana e mi ha fatto provare molta empatia per lei. Il modo in cui i media hanno avuto un ruolo importante nella sua vita può essere molto traumatizzante e può davvero spezzare la persona più forte. Non importa quanto possa sembrare pubblica la vita di una star, nessuno merita di essere trattato con tale crudeltà.

Quando ero incinta di North West ho sofferto di preeclampsia e ho anche messo 30 kg in più. Piangevo ogni singolo giorno per quello che stava succedendo al mio corpo principalmente per la pressione di essere costantemente confrontata con ciò che la società considerava come modello di ‘donna incinta’. Continuavano a paragonarmi ad una balena e non mi faceva stare bene.

Guardare tutte le mie foto online e sulle riviste mi rendeva così insicura e avevo il terrore che non avrei mai più riavuto il mio corpo pre gravidanza. Ero devastata da quello che mi avevano fatto i media.

Condivido questi pensieri su Britney per dire che spero davvero che tutti coloro che sono coinvolti nel business del bullismo possano provare invece a mostrare un po ‘di comprensione e compassione. Non sai mai completamente cosa sta passando qualcuno dietro le quinte e ho imparato attraverso le mie esperienze che è sempre meglio guidare con gentilezza”.

Con tutto il rispetto per Kim, ma 1° è riuscita a non parlare di sé stessa solo per mezza riga, 2° la sua situazione e quella della Spears sono molto diverse, visto che Britney al gossip deve poco o nulla, ma soprattutto perché la cantante da 13 anni è prigioniera e non ha praticamente nessun tipo di libertà. Qui non si tratta solo di paparazzi brutti e cattivi e di settimanali che fanno bodyshaming.

Kim Kardashian shares her thoughts on the #FreeBritney documentary:

“I’m sharing this just to say I really hope everyone involved in the business of shaming and bullying someone to the point of breaking them down might reconsider and instead try to show some understanding.” pic.twitter.com/AmK10xcEB6

— Britney Fan 🌹 (@BritneyHiatus) March 5, 2021

Non solo Kim Kardashian, anche sua sorella Khloe supporta Britney.

“Quello che le sta accadendo è molto triste. Prego per la regina”.

Khloe Kardashian speaks out for Britney!

“I am praying for queen Britney! So so so sad.” #FreeBritney pic.twitter.com/x5bA3pBQ3g

— Britney Fan 🌹 (@BritneyHiatus) February 7, 2021

@khloekardashian has just given her support to the #FreeBritney movement. We love you and thanks 🙏❤ @britneyspears pic.twitter.com/YmjFnZZYEW

— Jean Silveiro (@jeansilveir0) February 8, 2021