Jo Squillo cantante, artista e  icona sexy anni 80 ha una sorella gemella di nome Paola che le somiglia moltissimo. Sono molto legate. E voi l’avete mai vista?

 Jo Squillo: un’artista a tutto tondo

Giovanna Coletti in arte, Jo Squillo la bellissima cantante, attrice e conduttrice ha alle spalle una gavetta fatta di sacrifici e lavoro. Il suo successo è figlio del grande impegno e del talento della bella Jo, che è diventata ben presto anche un’icona sexy anno 80 grazie alla sua avvenenza.

La cantante è un volto noto del piccolo schermo, ma non tutti sanno che ha una sorella che le somiglia moltissimo. La splendida Jo  ha parlato del suo rapporto con la gemella Paola ai microfoni di Eleonora Daniele, nel salotto di Storie Italiane. ”Mia sorella è bellissima. È una bella storia la nostra, faccio molta fatica a parlarne. Fatica perché ho appena perso mamma e papà nel giro di un mese e mia sorella è tutta la mia famiglia’’.

La cantante si mette a nudo: le sue parole

“È una sorella gemella bellissima, che è la mia parte più carina, più bella, più simpatica e più allegra. Le voglio molto bene’’. Jo ha parlato a cuore aperto del  bellissimo legame con sua sorella Paola, e della sofferenza che l’attanaglia per la perdita dei suoi genitori. ” Mia mamma aveva una malattia neurodegenerativa. Io e mia sorella eravamo da sole”, dichiara Jo a Storie Italiane. Poi,commossa aggiunge: “Paola è la mia famiglia, le voglio molto bene. Non è facile capire cosa c’è al di là del dolore e della sofferenza”.

Leggi anche —-> Samanta Togni, perché ha lasciato Ballando con le Stelle: “Ad un certo punto …”

Leggi anche —->  Paolo Bonolis avete mai visto dove vive? Regno d’amore con Sonia Bruganelli

Poi, la cantante ha poi raccontato della dura prova che ha dovuto affrontare:”Mia mamma è stata tutta la mia vita: è stata la prima rappresentante femminile nel mondo del lavoro, andava in giro a vendere filati. E’ stata libera, una donna che ha creato un percorso di libertà: ha lasciato la famiglia nelle ore che poteva per poi dedicarsi alla nostra crescita”, spiega ancora. “E’ stato difficile vederla 6 mesi in ospedale con quella degenerazione…Non si capiva cosa fare…”. Nel corso dell’intervista scorrono le foto di Paola e Jo, e lei guardandole dice: “Anche io faccio fatica a riconoscermi”.