“il-grande-paese”,-uno-dei-grandi-western-degli-anni-’50
Giorgio Carbone

Giorgio Carbone

Nato a Tortona (Al) il 19 dicembre 1941. Laureato in giurisprudenza a Pavia. Giornalista dal 1971. Per 45 anni coniugato all’attrice Ida Meda. Due figli. Critico cinematografico (titolare) per “La Notte” dal 1971 al 1995. Per “Libero” dal 2000 a oggi. Autore di tre dizionari: Dizionario dei film (dal 1978 al 1990); Tutti i film (dal 1991 al 1999); Dizionario della tv (1993).

Vai al blog

IL GRANDE PAESE

Rai Movie, ore 23.25. Con Gregory Peck, Jean Simmons, Charlton Heston. Regia di William Wyler. Produzione USA  1958. Durata: 2 ore e 46 minuti

LA TRAMA

Due famiglie di allevatori  si contendono il monopolio  di una sorgente nel Montana. Gli scontri anche fisici tra i “duri” dei rispettivi clan sono all’ordine del giorno: Un armatore dell’Est venuto da quelle  parti per sposare la figlia di uno dei patriarchi cerca di mettere pace. Inutile. I due boss  sono irriducibili. Solo eliminandosi a vicenda la pace potrà essere portata nel grande paese.

PERCHÈ VEDERLO

Perché è uno dei grandi western degli anni ’50 (la migliore stagione dei film della prateria). Qualcuno  volle leggerlo come un’allusione pesante al muro contro muro della guerra fredda (che nel 1958 sembra vicina a tornare calda). Charlton Heston che era già un superstar accettò il ruolo (in fondo laterale) perchè William Wyler gli promise che gli avrebbe fatto fare “Ben Hur”. Promessa come si sa mantenuta nell’anno seguente.