i-top-migliori-smartwatch-da-comprare-|-aprile-2022

Il mercato degli indossabili è tra quelli che più sono cresciuti nel corso dell’ultimo paio d’anni, sia per quanto riguarda gli auricolari che per smartband e smartwatch. Le ultime due categorie in particolare si sono ampliate molto arrivando spesso a sfiorarsi, proponendo dei modelli ibridi che soddisfano alcune esigenze specifiche, ma non tutte. A tale scopo è utile dividere la grande famiglia degli smartwatch in tre insiemi distinti:

  • Smartwatch puri: per esempio i prodotti con WearOS, (Tizen) o Apple Watch, si tratta di orologi capaci di gestire numerose funzioni intelligenti e spesso sono dotati di connettività eSIM che permette di lasciare a casa lo smartwatch. Alcuni di essi hanno qualche funzione sportiva, ma sono pensati prevalentemente per l’uso di tutti i giorni. Per via di queste funzionalità avanzate, generalmente sono quelli dall’autonomia più risicata.

  • Ibridi: si tratta di orologi pensati per l’uso di tutti i giorni, monitorano le attività quotidiane (passi, calorie, battito ecc), godono di qualche funzione smart come le chiamate, la possibilità di leggere le notifiche con un ampio display a colori, a volte la possibilità di installare app, gestire musica, meteo e sincronizzare tutto con app per la salute installate sullo smartphone. Gli ibridi hanno spiccate doti per il tracking dello sport, ma sono meno completi degli sportwatch puri, ad esempio non hanno la possibilità di collegare accessori o di preparare dettagliatamente gli allenamenti.


    CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE