gli-agenti-di-frontiera-statunitensi-potrebbero-avere-una-copia-dei-tuoi-messaggi-di-testo

Welp, Uber è stato hackerato. L’attaccante, che afferma di avere 18 anni, sembra aver ottenuto il pieno accesso ai sistemi di Uber. E mentre la società ha confermato la violazione, sta minimizzando l’incidente affermando che “non ha prove” che l’attaccante abbia avuto accesso ai registri di viaggio degli utenti o ad altri dati sensibili . Per una violazione di questa gravità, nel tardo pomeriggio di venerdì erano disponibili relativamente pochi dettagli, quindi preparati a far cadere l’altra scarpa.

All’inizio della settimana, l’ex Twitter Il capo della sicurezza Peiter “Mudge” Zatko ha testimoniato davanti alla commissione giudiziaria del Senato degli Stati Uniti per dettagliare ulteriormente le sue affermazioni contro la società . Fissare comporta seri rischi per la sicurezza , ma gli sforzi di Zatko sembrano avere l’effetto previsto. Come riportato da Matt Laslo, collaboratore di WIRED, l’udienza ha riacceso le ambizioni dei legislatori statunitensi di regolamentare meglio la Big Tech.

Questa settimana ha visto anche il rilascio di iOS di Apple 16, che ha due nuove funzionalità di sicurezza che speriamo non avrai mai bisogno di usarlo. Abbiamo parlato con il capo della guerra informatica dell’Ucraina, Yurii Shchyhol, che ha fornito un aggiornamento ottimistico sul fronte di battaglia digitale nella guerra del paese con la Russia . E ci siamo tuffati nella lotta controversa al Congresso degli Stati Uniti per l’approvazione di una nuova legge federale sulla privacy che ha alcuni aspetti inaspettati opposizione.

Ma aspetta, c’è di più! Ogni settimana, mettiamo in evidenza le notizie che non abbiamo approfondito noi stessi. Clicca sui titoli sottostanti per leggere le storie complete. E stai al sicuro là fuori.

Se hai attraversato un confine degli Stati Uniti negli ultimi anni, c’è la possibilità che tutti i tuoi messaggi di testo, contatti, registri delle chiamate e altro siano ora archiviato in un database creato da Customs and Border Protection, anche se sei un cittadino statunitense. Il senatore Ron Wyden, un democratico dell’Oregon, ha rivelato questa settimana che il CBP copia i dati da ben 10,000 dispositivi all’anno. Gli agenti perquisiscono questi telefoni, tablet e computer senza mandato. E il contenuto prelevato dai dispositivi è archiviato in un database centrale accessibile a 2,10 personale del Dipartimento per la sicurezza interna, secondo le informazioni Il commissario del CBP Chris Magnus ha fornito a Wyden. Il CBP ha difeso la pratica come “conforme alle autorità statutarie e regolamentari”, mentre Wyden l’ha condannata come una “egregia violazione” dei diritti costituzionali dei cittadini.

Il fatto che siamo costantemente sorvegliati – e sorvegliare noi stessi – non dovrebbe essere uno shock. Ma una cosa è sapere di essere osservato e un’altra è vederlo in azione. Quella sensazione inquietante è al centro del nuovo progetto dell’artista belga Dries Depoorter, Il seguace. Utilizzando l’intelligenza artificiale, le foto di Instagram georeferenziate e le telecamere di sorveglianza accessibili al pubblico, Depoorter ha trovato filmati CCTV dei momenti esatti in cui le persone hanno scattato le loro foto su Instagram. È un potente promemoria che qualcuno, da qualche parte, potrebbe spiarti ogni volta che sei in pubblico (e un altro motivo per non aggiungere geotag alle foto che condividi online).

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti questa settimana ha incriminato tre cittadini iraniani per presunta esecuzione di una serie di attacchi ransomware che hanno preso di mira una serie di entità in almeno cinque paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Israele e Iran. Le vittime negli Stati Uniti includono società di servizi pubblici nel Mississippi e nell’Indiana, secondo il Dipartimento di Giustizia, nonché una township e una società di contabilità, entrambe nel New Jersey. Altri obiettivi includono entità nel settore sanitario e un centro per la violenza domestica. Le persone accusate degli attacchi ransomware – Mansur Ahmadi, Ahmad Khatibi e Amir Hossein Nickaein – sono ora nell’elenco dei ricercati dell’FBI e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha ha emesso una ricompensa di $ 10 milioni per informazioni che aiuta a portare alla loro “identificazione o posizione”.

Genitori e insegnanti sono rimasti inorriditi questa settimana dopo che un burlone ha violato la popolare app di messaggistica scolastica Altalena e ha inviato spam agli utenti con la famigerata immagine nota come “capra”. (Non cercarlo su Google.) Sebbene la società non abbia detto quanti dei suoi milioni di utenti siano stati colpiti, NBC News riferisce che i distretti scolastici dell’Illinois, New York, Oklahoma e Texas hanno affermato di essere stati esposti all’immagine. Il portavoce dell’altalena Sunniya Saleem ha confermato che “account utente specifici sono stati compromessi da un attore esterno” e che la società sta prendendo la questione “estremamente sul serio” mentre tenta di “impedire che un’ulteriore diffusione di queste immagini venga inviata o vista da qualsiasi utente di altalena. ”