Giulia Valentina: “Non chiamatemi sexy influencer”

giulia-valentina:-“non-chiamatemi-sexy-influencer”

L’influencer si è fatta conoscere per i suoi contenuti originali e mai banali

Che sia famosa per le Wawe, per i suoi TGIG, o per il libro sui Sushi Cats con cui dà la buonanotte ai suoi fan? Non è certo, ma è sicuro che Giulia Valentina sia un’influencer unica nel suo genere. Con un seguito di 875 mila followers e un’immagine profilo con una pizza margherita, è una delle figure più amate in rete. Ma contrariamente a quanto spesso avviene, nel suo profilo non si rintracciano foto particolarmente hot, da “da paladina della seduzione” come ha detto lei stessa nelle sue storie.

Giulia, difatti, non crede che i suoi contenuti siano apprezzabili in quanto caratterizzati da sensualità. O meglio, non solo da quello. E questo non lo crediamo anche noi, insieme a tutti i suoi followers. All’influencer non manca di certo la bellezza, che spesso lei stessa vuol mostrare ai suoi followers. Ma mai cade in quell’ostentazione di sé, che spesso contraddistingue le sue colleghe in rete.

Star Wars: parla la star Daisy Ridley: “Sono stata pedinata”| LEGGI

Foto: Instagram

Lucy Liu: la Charlie’s Angel dipinge quadri erotici| LEGGI

Giulia Valentina è invece un caso veramente raro ed unico. La simpatia coinvolgente e l’estrema ironia che pervade il suo account sono il suo tratto distintivo. Giulia è riuscita a rendere la figura dell’influencer, spesso vaga e frivola, interessante, acculturante e divertente. Si pensi che sul suo profilo, come unico account seguito c’è solo una pagina sulle lumache. La sua ironia inizia così. Per voi pervadere il suo profilo grazie alla presenza iconica di due piccoli Chihuahua: Guè e Chew. O meglio: le Wawe.

È morto Dearon Thompson, l’infermiere di E.R. |SCOPRI

Giulia Valentina influencer che non ti aspetti

La dolcezza con cui Giulia tratta le sue piccole Wawe ha fatto affezionare tutti i suoi followers: tra i litigi, le passeggiate, la “pappa”, i giri in borse personalizzate con i loro nomi, ormai sono così amate che tutti si preoccupano per loro. Ma oltre un estremo amore per Guè e Chew, Giulia offre molto di più. E no, non qualche scatto bollente.

Giulia è quel tipo di influencer che lascia dei biglietti in sospeso alle mostre in giro per l’Italia, per permettere ai suoi followers di godere dell’arte come lei. Giulia è quell’influencer che per far provare dei prodotti che le sono piaciuti particolarmente, li invia ai suoi followers direttamente a casa e totalmente gratuitamente. È quel tipo di persona che quando la incontri per strada, è lei a volersi fare una foto con te e non viceversa. Giulia tiene così tanto ai suoi followers che si preoccupa per loro come fossero suoi amici. Cura la relazione con loro, cercando di dare loro quanti più feedback possibili. E non è finita qui.

Giulia è anche un’ottima insegnante di inglese. Ma non un inglese scolastico di scarsa utilità. Nei suoi TGIG (Thanks God it’s Giulia), riprende i modi di dire in lingua inglese (che lei parla perfettamente, essendo bilingue) e li spiega ai fan. La cosa più interessante è che li spiega proprio mostrando degli esempi concreti, come serie tv o canzoni. Insomma, sul suo profilo non ci si annoia mai. E di certo i vari articoli clickbait in cui la si cita solo per un vestito particolarmente sensuale, non definiscono la sua persona e i suoi contenuti.  È stata brava lei a saper creare un mix perfetto tra la sua presenza, che di certo non passa inosservata, e la sua forte e carismatica personalità.