gianna-nannini-contro-la-polizia

Gianna Nannini contro la polizia

Nella clip del brano di Gianna Nannini L’aria sta finendo, i suini vestono le divise dei agenti di polizia. Per i sindacati è una vergogna, lei risponde stizzita, sentendosi incompresa…

gianni nannin

Nella clip del brano di Gianna Nannini, L’aria sta finendo, si vede scorrere le immagini di poliziotti con la testa da maiali, in tenuta antisommossa e con le uniformi blu in dotazione ai corpi italiani, mentre pestano un ragazzo di colore a terra.

Una scelta discutibile, certamente non condivisa dai sindacati di polizia. che parlano di “trovata davvero vergognosa“. Ma non solo. Si tratta di “un grave oltraggio che calpesta la dignità e il sacrificio di migliaia di donne e uomini che servono lo Stato e i cittadini con onestà e con coraggio”. Un altro sindacato, sempre delle forze di polizia, rincara la dose: “Cantanti e opinionisti vedono fascismo dappertutto, ma non si azzardino ad accomunarci a regimi dittatoriali e ai maiali. Non accettiamo di vedere maiali in divisa antisommossa picchiare selvaggiamente e brutalmente delle persone di colore a terra e non accettiamo più che le Istituzioni non prendano mai una posizione“.


Leggi anche: Alessandro Nannini: chi è? Età e vita privata del fratello di Gianna


Insomma “a tutto c’è un limite, e questa è una diffamazione bella e buona, gravissima e aggravata”. La querela verso Gianna Nannini è partita. E la diretta interessata cosa dice?

Gianna non pensava di generare odio

gianni nannini Gianna Nannini chiamata in causa dalla Polizia si è sentita in dovere di dire la sua. L’ha fatto con un comunicato, una nota ufficiale dove si dice incredula e un po’ avvilita: “Non posso credere che una canzone d’amore come L’aria sta finendo scateni tutto questo odio. La musica ha i suoi messaggi e così i video che li rappresentano. L’Arte è uno stato indipendente…”.

Poi tende la mano alla Polizia, a tutte le forse dell’ordine.

“Nessuno di noi, e me per prima sia chiaro, vuole offendere la polizia e chi rischia ogni giorno la propria vita, ma nemmeno vogliamo che un altro essere umano abusi del proprio potere. Purtroppo siamo tutti a conoscenza di tragici episodi in cui è capitato, vedi il caso di George Floyd negli USA. È per questo che nel video alcune istituzioni vengono raffigurate, per esempio, con volti di maiali e non di persone: proprio per evidenziare forme di potere degenerate e non umane. Love and peace sempre. Gianna”.


Potrebbe interessarti: Nannini borse colorate estate


Il videoclip del brano, in animazione rotoscopica, “vuole puntare il dito sulla nostra società – spiega ancora la nota di Gianna Nannini – che da tempo ha perso l’armonia: una parte del mondo spreca le risorse, è resa insensibile da una cultura dello scarto e prevarica i più deboli costruendo muri mentali e fisici”.

Related Posts

Leave a Reply