gf-vip,-tommaso-zorzi-risponde-alle-ultime-dichiarazioni-del-suo-ex-tommaso-stanzani?-(video)

In un’intervista, il ballerino aveva confessato di essersi allontanato dai social a causa delle troppe critiche

Tommaso Zorzi ha pubblicato due Instagram stories in cui ha spiegato la sua opinione su chi, vittima di bullismo o cyberbullismo, ne denunci l’accaduto sui social o risponda al proprio ‘carnefice’.

Il discorso è sembrato voler significare che il vincitore del Grande Fratello Vip  5 non condivida le ultime affermazioni del suo ex fidanzato Tommaso Stanzani, con il quale ha recentemente chiuso una relazione durata più di un anno. Era davvero questa la sua intenzione? Ecco le parole di Zorzi, anticipate da tre grandi premesse: “A) Non voglio fare polemica; B) Non mi riferisco a nessuno in particolare; C) Ognuno è libero di fare quello che vuole“.

Detto questo, vedo che ultimamente c’è una tendenza sui social a vittimizzarsi molto, nel senso che io sono il primo che condanna il bullismo e il cyberbullismo, li ho subiti entrambi, trovo che siano deprecabili, però trovo anche che tante volte l’amplificatore che noi diamo ai bulli o ai cyberbulli siamo proprio noi. Nel senso che se tu mi scrivi una cattiveria, la leggono in dieci, se io parlo di te che mi scrivi una cattiveria la leggono in centomila.

Secondo il conduttore:

In qualche modo diventiamo amplificatori di persone delle quali noi stiamo condannando il messaggio. Facendo così, stiamo anche facendo in modo che più persone di quelle che l’avrebbero letto poi leggeranno il medesimo messaggio, fondamentalmente, secondo me, non risolvendo nulla.

Parole, queste, frutto della sua esperienza personale:

A me nei mesi passati sono state scritte, raga vi giuro, le peggio cattiverie. Ma con una violenza, con un astio, con un livore, con un accanimento tale che tante volte è difficile dire “vabbè, non mi faccio influenzare“. E’ inevitabile che ti facciano del male, ma io non ho mai risposto e non risponderò mai. Non darò mai il mio amplificatore, il mio palcoscenico, a chi vuol parlare male di me. Io ho letto delle cose negli ultimi mesi…ho avuto paura che dal virtuale mi si ripercuotesse nel reale. Leggevo cose talmente cattive che dicevo ‘la persona che c’è dietro mi odia talmente tanto che magari mi vuole far qualcosa anche nella vita reale’.

Ma poi, non do questa soddisfazione, cioè me la faccio passare, me la tengo per me e vado dritto come un treno“, ha concluso Zorzi.