e’-morto-giampiero-galeazzi.-per-sempre:-“andiamo-a-vincere”

Roma, 12 nov – Addio a Giampiero Galeazzi. L’inimitabile voce delle telecronache sportive italiane, storico volto Rai, è morto oggi a Roma all’età di 75 anni. Galeazzi da tempo combatteva contro una grave forma di diabete. La notizia della morte di Galeazzi è stata data su Twitter da alcuni colleghi, come il direttore del Tg5 Clemente Mimun: “Addio Giampiero rip”, ha scritto Mimun.

Galeazzi, soprannominato “bisteccone” per la sua mole, prima di commentare in tv le grandi imprese sportive – in particolare delle Olimpiadi – fu un grande canottiere. Nel 1967 vinse infatti il campionato italiano di canottaggio nel singolo e poi nel 1968 nel doppio con Giuliano Spingardi. Sempre nel 1968 partecipò alle selezioni per le Olimpiadi di Città del Messico.

“Addio a vincere” Giampiero

Ma indimenticabili sono soprattutto le telecronache di Galeazzi. In particolare vogliamo ricordare quella delle Olimpiadi di Seul, quando la voce esaltante di “bisteccone” spinse all’oro Carmine e Giuseppe Abbagnale, insieme al timoniere Peppino Di Capua. E poi di nuovo quella del K2 di Antonio Rossi e Beniamino Bonomi, ori olimpici ai Giochi di Sydney 2000. Per sempre resterà impressa nella memoria degli italiani quel meraviglioso grido: “Andiamo a vincere”. Ciao Giampiero.

Alessandro Della Guglia

L’articolo E’ morto Giampiero Galeazzi. Per sempre: “Andiamo a vincere” proviene da Il Primato Nazionale.