davinci-resolve-e-disponibile-su-ipados:-ora-ipad-puo-diventare-un-pc

1074116?w=646&h=284

La presentazione del nuovi iPad Pro M2 (qui la nostra recensione) ha portato con sé un annuncio davvero importante per il futuro della piattaforma, ovvero la notizia che Blackmagic Design stesse lavorando ad una versione di DaVinci Resolve pensata per iPadOS. L’aspetto più interessante della vicenda è che l’applicazione in questione non è stata presentata come una versione mobile del celebre software dedicato alla color correction, bensì come una controparte completa di DaVinci Resolve 18, in grado di sfruttare le potenzialità degli ultimi SoC della famiglia M presenti su iPad.

Dopo un breve periodo di beta, ora DaVinci Resolve è ufficialmente disponibile su App Store per tutti e questo permette a chiunque di provare con mano le potenzialità sin troppo a lungo sopite di iPad. Le ultime generazioni dei tablet Apple hanno fatto notevoli passi avanti sul fronte dell’hardware, ma è sempre stato il software a risultare non all’altezza delle aspettative. Blackmagic ha voluto imprimere un netto cambio di passo e, a differenza di quanto fatto da Adobe, ha deciso di portare su iPad l’esperienza completa di DaVinci Resolve.

1074134?w=660&h=475

L’applicazione è disponibile gratuitamente su App Store ed è possibile utilizzarne tutte le funzioni senza alcuna limitazione particolare. Coloro che sono alla ricerca di maggiori opzioni e di un tool estremamente completo e professionale, potranno fare l’aggiornamento alla versione DaVinci Resolve Studio tramite un singolo acquisto in app da 114,99 euro, il quale permette di godere al massimo di questo strumento dedicato al mondo dell’editing professionale.

Per tutti gli altri è possibile utilizzare le tantissime funzioni della versione base senza spendere un centesimo e questo è sicuramente un ottimo biglietto da visita. Non tanto per Blackmagic – visto che il suo software è già noto e apprezzato – quanto per iPad stesso e il suo avanzamento come piattaforma adatta anche ai contesti lavorativi più esigenti. Il fatto di poter provare gratuitamente DaVinci Resolve, infatti, rappresenta un’opportunità per molti per vedere come è fatto un software di livello desktop su iPad e speriamo che questo spinga molti altri sviluppatori – e Apple stessa – a seguire l’esempio di Blackmagic.

1074135?w=660&h=475

DaVinci Resolve trae il massimo dagli ultimi iPad Pro con SoC M1 e M2, ma è compatibile con qualsiasi iPad dotato di chip A12 Bionic o superiore. Certo, non tutte le opzioni più avanzate sono supportate dai SoC meno performanti, ma è interessante il fatto che si sia cercato di intercettare la platea più ampia possibile. Per quanto riguarda le funzionalità, segnaliamo che la versione iPad supporta anche i monitor esterni (solo su M1 e M2), il caricamento di file e progetti anche da memorie esterne, il lavoro collaborativo tramite il cloud di Blackmagic, supporta completamente Apple Pencil e l’utilizzo di mouse e tastiera e gestisce perfettamente i formati video H.264, H.265, ProRes 422, Blackmagic RAW e molti altri ancora.

Se volete provarla potete scaricare DaVinci Resolve 18 tramite il link posto qui sotto: