cosa-vedere-a-caserta:-guida-alle-attrazioni-migliori

Se non sapete cosa vedere a Caserta, vi copriamo con una guida alle località e attrazioni più belle. Non c’è dubbio che sia stata la Reggia a rendere Caserta famosa a livello internazionale. Eppure, troppo spesso, nelle guide e negli itinerari turistici si legge solo questo.

In realtà, ci sono alcuni luoghi storici sparsi per la città che nascondono storie affascinanti e che vale la pena visitare. Per esempio, sapevate che le bandiere della Casa Bianca e di Buckingham Palace provengono dalle seterie di Caserta? O che il cuore storico della città è un gioiello medievale che si trova su una collina?

Qui di seguito condividiamo tutte le cose belle che potete vedere a Caserta. Si tratta di una facile gita di un giorno da Napoli – e uno dei luoghi in cima alla lista delle cose da fare in Italia – anche se c’è molto più che abbastanza da vedere per trascorrere un paio di giorni in giro.

Cosa vedere a Caserta: guida alle attrazioni più belle

La Reggia di Caserta

La Reggia è letteralmente la prima cosa che si vede appena usciti dalla stazione ferroviaria. Ciò che rende questo luogo così impressionante sono le sue dimensioni. Con le sue 1.200 stanze distribuite su oltre 44.000 metri quadrati e 120 ettari di giardini, è una delle residenze più grandi al mondo.

Il palazzo è anche un magnifico simbolo dell’architettura barocca e del potere reale, che rivela molto della storia italiana.

Nel XVIII secolo, il re di Napoli Carlo III di Borbone assunse l’archistar Luigi Vanvitelli per costruire il palazzo con l’obiettivo di creare qualcosa che potesse competere con le più famose residenze reali europee, tra cui Versailles.

Con lavori di costruzione durati più di 50 anni e costati oltre 6 milioni di ducati (l’equivalente odierno di oltre 300 miliardi di euro), oggi la Reggia è il simbolo di Caserta e uno dei principali monumenti italiani.

Il setificio reale di San Leucio

Cosa vedere a Caserta attrazioni

San Leucio, situato sulle colline a circa 4 km dalla stazione ferroviaria, è una delle cose più affascinanti da vedere a Caserta. Qui Ferdinando IV, figlio di Carlo III, trasformò un casino di caccia reale in un’importante fabbrica di seta e perseguì il sogno di creare un villaggio industriale autonomo – l’utopica “Ferdinandopoli” – ispirato al socialismo illuminato.

Chiamò i migliori tessitori italiani e francesi per introdurre i locali all’arte della tessitura. Gli operai della fabbrica reale ottennero una casa nel villaggio e godettero di parità di genere, meritocrazia, istruzione pubblica e assistenza sanitaria – qualcosa di incredibilmente moderno per l’epoca.

La fabbrica di Borgo San Leucio copriva l’intera filiera produttiva, dall’allevamento dei bachi da seta al tessuto finito. Le sue sete divennero famose in tutta Europa, con ordini da parte di tutte le principali corti.

L’acquedotto delle Caroline

Come si può immaginare, il setificio reale e i giardini della reggia di Caserta avevano bisogno di grandi quantità d’acqua ogni giorno. E come la ottenevano? Ebbene, ancora una volta i Borboni avevano tutto sotto controllo.

La mente del progetto era il signor Vanvitelli. Costruì un acquedotto lungo 40 km per trasportare l’acqua dalle pendici del Monte Taburno a Caserta. L’acquedotto, che ricorda quelli usati nell’antica Roma, fu subito acclamato come un capolavoro di ingegneria idraulica. Era anche il ponte più lungo d’Europa dell’epoca.

L’antico borgo collinare di Casertavecchia

Salite su uno dei minibus parcheggiati fuori dalla stazione ferroviaria e andate a Casertavecchia, un grazioso borgo medievale sulle colline, a circa 10 km da Caserta. Casertavecchia era un tempo il principale centro urbano di Caserta. Poi, con la costruzione della reggia, gli abitanti si trasferirono nella pianura sottostante e Caserta, come la conosciamo oggi, divenne il punto focale di tutte le attività.

Oggi è una pausa riposante dalla città, con viste panoramiche e incantevoli vicoli di ciottoli pieni di negozi di artigianato e ristoranti tradizionali.

Altre cose da vedere a Caserta

  • Il planetario
  • Museo Michelangelo
  • Capua
  • Anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere

LEGGI ANCHE: