come-risparmiare-sulle-spese-di-gestione-del-conto-corrente-con-una-buona-pianificazione

Grazie a un’attenta pianificazione finanziaria non solo è possibile gestire in modo migliore i propri soldi, ma è anche possibile risparmiare sulle spese bancarie. In particolare, pianificare in anticipo e capire in che modo si utilizzerà il conto corrente è di grande aiuto nella scelta del prodotto più adatto alle proprie necessità e nella ricerca di una soluzione conveniente dal punto di vista economico.

Confronta i costi dei conti correnti e scopri il più economico

Il canone annuo e l’imposta di bollo costituiscono spesso una quota importante delle spese bancarie. La buona notizia è che pianficando le proprie attività finanziarie è possibile ridurre e in qualche caso azzerare queste spese.

L’imposta di bollo, ad esempio, è dovuta solo se la giacenza media del conto corrente supera i 5.000 euro. Pianificare le entrate e le uscite per fare in modo di non superare questa soglia si traduce in un risparmio di 34,20 euro all’anno.

Per quanto riguarda il canone del conto corrente, invece, la situazione può essere diversa da banca a banca. Ci sono conti correnti che non prevedono il pagamento di un canone periodico (a fronte però, spesso, di maggiori commissioni) e ci sono conti che prevedono il pagamento di una somma fissa addebitata mensilmente o annualmente.

Per riuscire a risparmiare sulle spese del canone si possono prendere in considerazione i conti a canone zero, pianificando le diverse operazioni che si ha intenzione di fare in modo da valutarne la convenienza, oppure concentrarsi sui conti che permettono di azzerare il canone. Spesso le banche offrono il conto gratuitamente a chi accredita lo stipendio o la pensione, ad esempio, oppure a chi addebita le utenze. In fase di pianificazione, tenere conto di questi aspetti dà una grande mano per ridurre i costi bancari.

Compara le offerte di più banche e scegli la soluzione più adatta a te

Pianifica le tue operazioni per risparmiare sui costi variabili

Quando si ragiona sui costi del conto corrente non si possono non considerare le commissioni richieste per le diverse operazioni di movimentazione del conto. Da questo punto di vista, le offerte delle banche si differenziano notevolmente e c’è bisogno di fare un’attenta analisi per capire quali sono le proposte più convenienti.

Chiarire quali e quante sono le operazioni che si fanno più spesso, quali sono i servizi a cui non si vuole rinunciare e quali invece quelli di cui si può fare a meno è un ottimo punto di partenza per individuare le offerte da valutare con attenzione.

In fase di pianificazione è bene fare una stima delle operazioni di prelievo e di bonifico che si faranno durante l’anno, se si intende usare il conto prevalentemente online o allo sportello, controllare se si ha bisogno del libretto degli assegni o se si vogliono fare degli investimenti, ad esempio. Incrociando le proprie necessità con le offerte delle banche è possibile individuare i migliori conti correnti in circolazione.

Trova il conto corrente perfetto per le tue esigenze

Riduci i costi analizzando le offerte delle banche

Una volta messe a fuoco le proprie necessità, è consigliabile confrontare le caratteristiche e i costi di diversi conti correnti. Un modo semplice, veloce e gratuito per compiere quest’analisi è usare un comparatore di conti correnti.

Oltre a poter mettere a confronto più conti correnti alla volta, il comparatore di SOStariffe.it permette di filtrare e ordinare i risultati secondo vari criteri. Basta un clic, ad esempio, per evidenziare i conti correnti pensati per i giovani o per gli anziani, oppure i conti correnti che permettono di fare trading online o che includono una carta di credito.

Per ottenere dei risultati ancora più precisi si possono inserire anche i dati che sono emersi durante l’attività di pianificazione, come il numero di bonifici e prelievi che si prevede di fare durante l’anno.