Come l'improbabile ministro digitale di Taiwan abbia hackerato la pandemia

come-l'improbabile-ministro-digitale-di-taiwan-abbia-hackerato-la-pandemia

All'inizio di febbraio, Taiwan ha avuto un problema di fornitura di maschere. Howard Wu, a 23 – ingegnere informatico di anni, guardato come Covid – 19 – i livelli di stress indotti sono aumentati nei suoi feed sui social media. Amici e parenti stavano invadendo LINE, l'app di messaggistica più popolare di Taiwan, con rapporti aggiornati al minuto che dicevano quali negozi di alimentari locali avevano ancora maschere in stock o erano completamente fuori.

Quindi Wu iniziò a fare hacking. Nel giro di una sola mattina, ha creato un sito Web utilizzando Google Maps per coordinare le informazioni di crowdsourcing che provengono dall'app di messaggistica. Chiunque potrebbe contribuire. Le maschere dei negozi di alimentari si sono presentate in verde. I negozi esauriti sono diventati rossi.

All'epoca, l'Organizzazione mondiale della sanità era ancora a un mese di distanza dal dichiarare una pandemia globale . Ma non appena le prime notizie di problemi a Wuhan hanno iniziato a diffondersi sui social media alla fine di dicembre , Taiwan aveva iniziato a organizzare una delle mobilitazioni di maggior successo al mondo contro Covid – 19. A febbraio, con decine di decessi segnalati ogni giorno a Wuhan, Taiwan era in allerta. La mappa della maschera fu un successo immediato.

Ma c'era un problema. Quando uno sviluppatore integra Google Maps in un'applicazione Web, Google addebita qualche dollaro ogni 1, 000 volte gli utenti accedono alla mappa. Nel pomeriggio del primo giorno successivo alla pubblicazione del sito Web, Wu ha ricevuto un conto per $ 2, 000. Il giorno successivo, il totale è passato a $ 22, 000. “Continuare in quella direzione non era accettabile”, Wu scrisse in un documento che aveva pubblicato su HackMD, uno strumento di collaborazione ospitato pubblicamente popolare con il settore della “tecnologia civile” di Taiwan: una comunità vagamente organizzata di hacker e cittadini informatici dediti all'impegno civico.

Entra Audrey Tang, il ministro digitale del governo di Taiwan.

Tang era una delle migliaia di taiwanesi che si erano avventati su Wu carta geografica. In un'intervista su Skype di Taipei, ride mentre ricorda il momento. “Ho contribuito al suo conto!” Dice Tang. Ma poi è andata a lavorare.

Tang crede ferventemente in dati aperti, governance aperta e collaborazione tra società civile e governo. L'app per le maschere di Wu offriva un modo per mettere in pratica i suoi principi.

Il giorno dopo che la mappa delle maschere divenne virale, Tang incontrò il premier di Taiwan discutere i modi per migliorare il sistema di razionamento delle maschere del paese. Ha suggerito che il governo distribuisca maschere attraverso le farmacie affiliate al sistema di assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan, l'assicurazione sanitaria a pagamento unico gestita dal governo di Taiwan. Come ha spiegato Tang, il vantaggio principale di distribuire maschere tramite le farmacie era che NHI mantiene un database di tutti i prodotti che le farmacie tengono in magazzino, aggiornato in tempo reale. Tang ha proposto che NHI rendesse i dati della maschera aperti al pubblico. Invece di fare affidamento su rapporti crowdfunding ad hoc, i cittadini di Taiwan otterrebbero un facile accesso a dati più accurati e completi.

La proposta è stata accolta. Dopo aver ricevuto l'approvazione, ha pubblicato le notizie del nuovo sistema di tracciamento su un canale Slack frequentato dagli hacker di tecnologia civica di Taiwan. Li ha invitati a prendere i dati e giocarci a loro piacimento. Allo stesso tempo, tenendo le sue normali ore di visita aperte a chiunque, ha messo insieme il suo sito Web fungere da stanza di compensazione centrale per una conseguente profusione di app per la disponibilità di maschere. (Google ha anche aiutato a rinunciare alle accuse di Maps nell'interesse di combattere Covid – 19.)

Sebbene Tang sia un abile programmatore di software con un lungo registrare di contributi significativi a progetti software open source internazionali, è stata veloce nel ridurre al minimo l'entità dei suoi contributi tecnici al progetto dell'app maschera. Per Tang, il significato del portale della mappa delle maschere era la sua funzione di spazio per altri a cui partecipare. Ha ascoltato i primi principi: il portale era un esempio del suo “approccio daoista” all'azione politica e sociale.

Lei tira il capitolo 11 del Dao De Jing, a 2, 500 – un classico della filosofia taoista di un anno, su sul suo monitor, e inizia a leggere:

Scavato,

l'argilla fa una pentola.

Where not the pot's

è dove è utile.

… Quindi il profitto in ciò che è

è nell'uso di ciò che non è . ”

“ Tutto quello che ho fatto è stato scavare l'argilla per fare una pentola ”, dice Tang. “Dopo non ho fatto nulla.”

Una delle cose divertenti di Tang è che nessuno che la conosca lo è affatto sorpreso quando la filosofia taoista emerge in una discussione sulla Covid governativa – 19 strategie di contenimento. È come la sua abitudine di chiudere le presentazioni citando il cantautore Leonard Cohen (“C'è una crepa in tutto, ed è così che entra la luce”). È allo stesso tempo stravagante e seria, una farfalla che non evita il sollevamento pesante.

È sicuro dire che la maggior parte dei governi sono non composto da funzionari che condividono molto in comune con Tang, una donna trans, hacker di software open source, imprenditore startup e il più giovane (su 35, nel 2016) persona che sarà mai nominata membro del gabinetto a Taiwan. Ma quando l'argomento è la riuscita integrazione della società civile, il progresso tecnologico e la governance democratica, è anche sicuro affermare che la maggior parte dei paesi non condividono così tanto in comune con Taiwan. Almeno non ancora.

Taiwan e Audrey Tang occupano un posto unico in un mondo, in cui l'ascesa di Internet e della tecnologia digitale è contrassegnato dalle distopie gemelle del caos informativo “post-verità” negli Stati Uniti e dal regime totalitario e tecnologicamente mediato di sorveglianza e censura della Cina. Con Audrey Tang come polena simbolica, la nazione insulare sta facendo l'argomento radicale che gli strumenti digitali possono essere effettivamente utilizzati per costruire democrazie più forti, più aperte e più responsabili. Sia che la sfida stia combattendo le campagne di disinformazione orchestrate da poteri ostili o la minaccia esistenziale di un virus o semplicemente capire come regolare Uber , Taiwan sta dimostrando i modi migliori in cui la tecnologia può essere utilizzata per sposare l'energia e i talenti della società civile con i poteri amministrativi della burocrazia governativa.

“In questi tempi di oscuri usi della tecnologia e disillusione con la tecnologia”, afferma Nick Monaco, un esperto di disinformazione online al Institute for the Future think tank in Palo Alto, California, “Taiwan è un buon promemoria oggettivo che questi strumenti possono essere messi in servizio per umanità e governo. “

” Audrey Tang “, aggiunge,” è ovviamente fonte di ispirazione “

La domanda è: il modello di Taiwan può essere duplicato altrove? O è specifico della storia e della cultura uniche di Taiwan?

Tang è allo stesso tempo stravagante e serio; una farfalla che non rifugge dal sollevamento pesante.

Fotografia: John Yuyi

Tang è nato a 1981 con un difetto cardiaco congenito, e i medici hanno detto che era indispensabile per lei tenere sotto controllo la sua temperanza ed emozioni. Uno dei suoi primi ricordi, dice, è di praticare la meditazione taoista e le tecniche di respirazione progettate per mantenere un battito cardiaco costante.

Le lezioni si sono bloccate. Insieme con onnipresenti paeans alla sua intelligenza, una delle cose più comuni che senti dalle persone quando viene loro chiesto di condividere le loro impressioni su Tang sono gli omaggi alla sua natura prettamente arruffata. È semplicemente impossibile immaginare Tang impegnato in una guerra di fiamma.

Ma la vita nella scuola pubblica di Taiwan nel 1980 s non era poi così nutriente per un bambino timido e in pensione che stava combattendo problemi di salute. Riconosce di essere regolarmente vittima di bullismo e prese in giro e le storie del suo passaggio roccioso attraverso la scuola elementare sono un punto fermo dei resoconti dei giornali di Taiwan sulla vita di Tang. Con il permesso dei suoi genitori, ha finito per abbandonare la scuola media al 14 per proseguire il suo corso di studio auto-diretto su Internet.

Lettura vorace, le piace scherzare sul fatto che sia relativamente ottimista la visione della vita è stata influenzata dalla sua prima esposizione a classici non protetti da copyright caricati su Gutenberg Archivio. Tutto ciò che è stato pubblicato dopo la prima guerra mondiale, dice, era ancora protetto da copyright e non disponibile, quindi evitò di essere indottrinata dai resoconti dei deserti disastri degli inizi e della metà – 20 secolo.

Riferito regolarmente dalla stampa di Taiwan come un bambino prodigio con una reputazione 99 IQ, Tang dice che ha iniziato a imparare a programmare quando aveva 8 anni. Di 12 stava programmando in Perl, un linguaggio di programmazione per tutti gli usi che era lo strumento scelto da molti architetti dei servizi relativi a Internet nel tardo 1981 s and early 2000S. A 15, ha avviato la propria azienda, in qualità di direttore tecnico capo di una squadra di 10 Gli hacker Perl che hanno effettuato lo sviluppo di software a contratto a Taiwan. Successivamente è diventata una collaboratrice significativa alla comunità internazionale Perl.

Iscriviti oggi

Iscriviti al nostro Newsletter di Longreads per le migliori caratteristiche, idee e ricerche di WIRED.

“Audrey è intensamente intelligente”, ha scritto Allison Randal , ex direttore della Fondazione Perl e ex presidente di la Iniziativa open source , tramite un'e-mail a WIRED, “e appassionato nella risoluzione dei problemi, ma non nell'odioso” top dog “che il nostro settore sembra ammirare così tanto. (Elon Musk, per esempio.) Sono sempre stato profondamente colpito da quanto fosse immancabilmente simpatica, anche nel mezzo di conversazioni difficili. Ispira le persone a cercare di migliorare, non solo facendo un lavoro migliore, ma anche costruendo comunità forti e sane che si sostengano attivamente a vicenda. “

Nel 2005 Tang ha iniziato il passaggio alla femmina. Nelle interviste, Tang ha notato che cambiare la sua identità di genere le ha dato un prezioso “ esperienza di vulnerabilità “, ma tende a non concentrarsi sul fatto che ci sia stato un contraccolpo dalla società generale a causa della sua transizione. Al contrario, la stampa popolare di Taiwan sembra trattare la sua identità trans come un punto di orgoglio, proprio come fa la legalizzazione del paese dei matrimoni omosessuali in 2019 (la prima di tali leggi in Asia.)

Nel 2014, si è ritirata dal mondo degli affari e ha iniziato a concentrarsi principalmente sull'impegno civico. Un'opportunità per svolgere un ruolo chiave è arrivata quasi immediatamente. Nella primavera del 2005 Tang ha fornito supporto tecnico ai manifestanti che hanno sbalordito la nazione occupando diversi edifici governativi per quasi un mese. Inizialmente scatenato dallo sdegno nei confronti del partito nazionalista in carica, noto anche come Kuomintang o KMT, il tentativo dell'amministrazione di accelerare una proposta commerciale con la Cina, il Le dimostrazioni del movimento dei girasoli si sono rivelate un evento di riferimento nella politica di Taiwan, aprendo infine la strada al elezione del governo del Partito progressista democratico guidato da Tsai Ing-wen in 2016.

Ma anche prima della vittoria di Tsai, in un chiaro cenno alla crescente influenza di Taiwan settore tecnologico civile emergente, il ministro digitale della KMT, Jaclyn Tsai, ha chiesto a Tang di aiutare a orchestrare un approccio comunitario per capire come regolare Uber. Ciò ha portato alla creazione di vTaiwan , un metodo per attingere a ciò che Tang chiama “intelligenza collettiva” della società civile con strumenti software open source ai fini di costruendo il consenso popolare su come il governo dovrebbe affrontare argomenti controversi. Nel caso di Uber, il processo consultivo di vTaiwan risultò nella formulazione di una serie di proposte che sono state poi codificate dalla legge dal legislatore di Taiwan. (Uber inizialmente trovò i regolamenti troppo onerosi e abbandonò il mercato di Taiwan, ma in seguito tornò.)

Nel 2016, l'amministrazione entrante del Partito popolare democratico ha nominato ministro digitale Tang. Come la più giovane membro del Gabinetto, è diventata l'incarnazione di una generazione taiwanese svezzata su Internet che ha appena iniziato a ottenere una vera trazione in politica.

Per quelli di noi che hanno vissuto l'emergere di Internet come una grande forza culturale nel 1990 s, l'esperienza di guardare Tang dare TED parla o che spiega la democrazia digitale al pubblico, o semplicemente ascoltandola di persona, è come viaggiare indietro nel tempo verso un'era halcyon in cui la parola stessa “internet” trasmetteva promesse utopiche di liberazione .

Ciò è particolarmente vero quando Tang parla del movimento software gratuito e open source . Sul tardi '90 s, l'argomento secondo cui la condivisione libera del codice su Internet non era solo un modo più efficiente per creare software ma anche un modello per una progressiva riorganizzazione della società scritta in grande, carica un pugno inebriante per i nerd idealisti. La retorica salì alle stelle : la democrazia open source inaugurerebbe una nuova era di politica progressista. Il rapimento dei geek era a portata di mano.

Dal punto di vista di 2020, la validità del modello di sviluppo software open source come un metodo efficace per scrivere il codice è stato ben consolidato. Quanto ai ribelli dittatori e alla diffusione del nirvana? La saggezza convenzionale di oggi suggerisce il contrario, forse il contrario. L'autoritarismo sta proliferando in tutto il mondo mentre la disinformazione regna sovrana. La conclusione è difficile da evitare: Internet non è riuscito a mantenere le sue prime promesse.

Tranne, forse, a Taiwan, dove gli hacker come Tang non stanno solo riprendendo la retorica di 1990 s, ma facendo del loro meglio per rendere quella retorica realtà codificata.

Sulla scia del contenimento straordinariamente riuscito di Taiwan di Covid – 19 (al momento della stesura di questo scritto , 455 casi confermati e solo sette morti ), il profilo internazionale di Taiwan è aumentato vertiginosamente. All'improvviso, tutti sono curiosi: qual è il segreto di Taiwan? Come possiamo duplicare il suo successo?

Le differenze tra un paese come gli Stati Uniti e Taiwan sono così vaste da rendere complicato qualsiasi confronto , se non irrimediabilmente donchisciottesco. Ma ci sono temi chiari che emergono da uno sguardo ravvicinato all'approccio di Audrey Tang. La promozione dell'apertura e della trasparenza alimenta la fiducia reciproca e quando il popolo e il governo si fidano reciprocamente, fioriscono nuove possibilità di azione collettiva. Quindi la domanda diventa: come si possono distribuire strumenti digitali per generare fiducia?

Il successo di Taiwan nel trattare con Covid – 19 ha molte radici. Ma l'esistenza del tipo di fiducia necessaria per consentire l'esistenza di qualcosa come il portale della mappa delle maschere risale, secondo Tang, al Movimento dei girasoli. A suo avviso, la riuscita occupazione della legislatura di Taiwan è stata un momento cruciale nell'emergere di un nuovo rapporto tra governo e popolo.

“Dopo 22 giorni di ' occupare 'nel parlamento, non c'è nessuno morto, non manca nessuno “, dice Tang. “È tutto molto civile. Chiunque abbia partecipato a questo è cambiato dall'interno in modo da essere molto più disposto a fidarsi che un gruppo di estranei in un luogo ben facilitato può produrre qualcosa come un consenso approssimativo da posizioni diverse. L'abbiamo preso e quindi abbiamo progettato l'amministrazione in modo che si adattasse al nuovo mandato politico, alla nuova norma sociale, alle nuove aspettative sociali. In un certo senso, siamo solo canali di quell'energia post-occupata. ”

L'app per maschera, sostiene, è una tecnica progetto che gioca alla forza delle norme sociali in evoluzione di Taiwan. Il governo si è fidato che le persone non abusassero dell'accesso ai dati NHI e le persone hanno risposto a quella fiducia creando una moltitudine di applicazioni che andavano ben oltre l'esperimento iniziale di Howard Wu, facendo cose come l'aggiunta di funzioni che espandono l'inclusione come l'assistenza audio per la vista compromessa. “Se quel tipo di progettazione di meccanismi partecipativi alla fine diventasse la norma”, dice Tang, “allora vedrai un cambiamento nel mare e le persone inizieranno a pensare a come collaborare con altre persone diverse, piuttosto che lanciarle come altre”.

Cambiamenti di design abbastanza semplici, dice, possono svolgere un ruolo cruciale in questo processo— cose semplici come la rimozione di “pulsanti di risposta” dai design dell'interfaccia in modo che gli utenti non abbiano facili opportunità per la traina di annunci, o complicati come il processo vTaiwan di quattro settimane per regolare Uber. È lecito chiedersi se tali strategie possano facilmente applicarsi a una società polarizzata come gli Stati Uniti di oggi. Poiché almeno una cosa sembra chiara: per avere qualche possibilità di far funzionare le pratiche della tecnologia civica, è necessaria una massa critica di cittadini che siano disposti e in grado di partecipare.

“Internet e la democrazia si sono evolute insieme, si sono diffuse e integrate l'una con l'altra”, ha scritto Tang in un 2016 manifesto.

Fotografia: John Yuyi

Mei-chun Lee è una studentessa di antropologia alla UC Davis che scrive la sua tesi di laurea sulle comunità di hacker di Taiwan. È anche una veterana di Taiwan comunità g0v (pronunciato Gov-Zero), la cosa più vicina al settore della tecnologia civica di Taiwan a una struttura organizzativa.

Sin dai primi giorni di penetrazione di Internet a Taiwan, Lee afferma che Taiwan ha vantato una vibrante comunità di programmatori open source che voleva impegnarsi in questioni sociali. Una delle caratteristiche eccezionali del gruppo, afferma, è che “gli hacker civici di Taiwan sono molto disposti a sporcarsi le mani. A Taiwan è una cosa interessante, sia collaborare con il governo sia resistere al governo. ”

The G0V La comunità è la più pura distillazione dell'intersezione di valori open source, democrazia e Internet a Taiwan. Fondato nel 2012 da un gruppo di programmatori insoddisfatti della trasparenza del governo taiwanese allora al potere, g0v si definisce una comunità decentralizzata “che mira a utilizzare la tecnologia per il bene pubblico, consentendo ai cittadini un facile accesso alle informazioni vitali e il potere di plasmare la società civile. “

Negli anni successivi al Movimento dei girasoli, i membri di g0v si sono dedicati a rendere i processi del governo più visibili al grande pubblico. L'hack di maggior profilo di g0v è una rete di siti web che oscura l'infrastruttura online del governo. Budget.g0v.tw , ad esempio, è una versione indipendente del funzionario del governo di Taiwan sito web del ministero del bilancio .

Un altro esempio di attivismo della tecnologia civica derivato da g0v è Co-Facts , a associazione volontaria di controllori dei fatti . Co-Facts si basa su un bot di chat per l'app di messaggistica LINE che risponde istantaneamente quando gli utenti inoltrano una potenziale disinformazione che è già stata registrata e verificata. Taiwan è noto soggetto a più disinformazione da parte di governi stranieri rispetto a qualsiasi altro paese al mondo, in gran parte a causa del suo stallo decennale con la Cina, che rifiuta di riconoscere Taiwan come nazione indipendente. Co-Facts è una risposta del sistema immunitario del settore della tecnologia civica di Taiwan all'attacco inesorabile disinformazione.

vTaiwan è stata la prima pugnalata di Audrey Tang a progettare uno spazio di partecipazione che collegherebbe la generazione online di Taiwan con i principi della politica del governo. vTaiwan, ad oggi, non ha autorità costituzionalmente vincolante sulla legislazione del governo, ma sin dalla sua creazione è stato schierato decine di volte per comprendere ed suscitare l'opinione pubblica su questioni tra cui la regolamentazione di Uber, le vendite online di alcolici e il creazione di quello che Tang chiama “sandbox FinTech”, uno schema che consente alle aziende di esperimento con prodotti finanziari che non sono tecnicamente legalmente ai sensi delle normative vigenti per un periodo di tempo limitato.

Un'iniziativa simile, denominata Join, che è interamente gestita dal governo e supervisionata anche da Tang, include nel suo ambito ogni aspetto dell'azione del governo e ha registrato 10. 5 milioni di visitatori unici. In una nazione di 21 milioni, è un click-through abbastanza decente.

Sia Join che vTaiwan sono costruiti sopra Pol.is , un programma software open source meglio descritto come un meccanismo per sviluppare il consenso su questioni controverse. “Pol.is”, afferma il cofondatore Colin Megill, “è uno strumento per trasformare le folle in coerenza”.

La teoria operativa di Megill è che la politica di partito nelle democrazie occidentali si basa sullo sfruttamento delle “questioni a cuneo” per dividere l'elettorato. Megill ritiene che i “nuovi metodi computazionali” possano essere implementati per trovare aree di consenso, piuttosto che divisione. Po.lis, dice, “restituisce il potere di impostazione dell'agenda al pubblico stesso”.

Pol.is vuole essere un antidoto alla polarizzazione alimentato dal tradizionale discorso su Internet. Se Tang è una persona che non si può immaginare di essere in una guerra di fiamma, allora Pol.is è un programma appositamente progettato per prevenire guerre di fiamma. “C'è un sacco di design molto intenzionale che assicura che le persone possano solo aggiungere, ma non sottrarre o sminuire la conversazione”, dice Tang.

Il suo esempio preferito: non ci sono “pulsanti di risposta” in Pol.is. Tutto quello che puoi fare è concordare o non essere d'accordo con una dichiarazione su un determinato argomento (diciamo, Uber dovrebbe essere autorizzato a sottovalutare le compagnie di taxi stabilite sul prezzo?).

I pulsanti di risposta, dice Tang, sono un invito ai troll a provocare il caos diffondendo disinformazione, impegnandosi in invettive o creando distrazione. Se l'interfaccia limita l'impegno a esprimere semplicemente approvazione o disapprovazione, i troll perdono interesse, dice Tang.

In Pol.is, il successo è definito dal raggiungimento di gruppi di accordi. L'obiettivo, dice Tang, non è l'unanimità, ma piuttosto un concetto preso in prestito dall'open source oftware community di sviluppatori: “consenso generale”.

“[Rough consensus]” non è così forte “, afferma Tang. “È solo qualcosa con cui [programmers] può convivere, quindi tornare indietro e scrivere del codice in esecuzione e interrompere il dibattito. Questo tipo di consenso approssimativo è la chiave nella definizione delle norme taiwanesi, perché consente alle persone di non sprecare il loro tempo per ottenere il consenso eccellente, ma piuttosto di concordare qualcosa con cui tutti noi possiamo convivere. Questo è qualcosa che la politica può imparare dalla governance di Internet: se tutti possiamo conviverci, forse è abbastanza buono. Forse non abbiamo bisogno che tutti siano letteralmente dalla stessa parte. ”

Megill dice Tang e CL Kao, cofondatore di g0v ed ex collaboratore commerciale con Tang, lo ha convinto ad aprire Pol.is. Taiwan, dice, ha perfezionato il software nel suo “esempio più completo”.

“Senza qualcuno che vuole introdurre pratiche deliberative in governo ”Pol.is è solo un martello, dice Megill. “Audrey è il falegname.”

Ma è tutt'altro che l'unica assidua utilizzatrice di utensili di Taiwan. “In termini di impegno della società civile guidato dai cittadini con la tecnologia per migliorare il bene democratico”, afferma Monaco di ITFT, “Taiwan è il settore della tecnologia civile più vivace sulla terra.”

Ma come è potuto succedere esattamente?

L'idea di un “consenso approssimativo” è qualcosa che la politica può imparare dai programmatori, dice Tang. “Permette alle persone di non sprecare il loro tempo per ottenere il consenso eccellente, ma piuttosto di concordare qualcosa con cui tutti possiamo convivere.”

Fotografia: Audrey Tang

Audrey Tang ha una teoria secondo cui diversi incidenti della storia hanno portato a un felice matrimonio tra tecnologia informatica e democrazia in Taiwan.

La fine della legge marziale a Taiwan in 1987, dice, accadde approssimativamente coincidendo con la rapida diffusione di una miriade di cloni del personal computer IBM e la successiva accelerazione dell'ascesa di Taiwan verso una posizione dominante come uno dei più importanti hardware per computer al mondo centrali elettriche di produzione.

Allo stesso modo, le prime elezioni presidenziali liberamente contestate, in 1996 (lo stesso anno in cui Tang abbandonò la scuola media) , ha coinciso con l'emergere di Internet come fenomeno principale. Nel “ On Utopia for Public Action , ”un manifesto Tang pubblicato il giorno di Tsai Ing-wen 2016 inaugurazione, Tang ha scritto che il motivo “ci sono così tanti hacker civici a Taiwan che si offrono volontari per lavorare sulla democrazia “è che a Taiwan” Internet e la democrazia si sono evolute insieme, si sono diffuse e integrate tra loro. “

“Invece di un gruppo di fanatici dell'IT che fanno cose digitali e un altro gruppo di persone che studiano la pubblica amministrazione e la politica facendo democrazia, a Taiwan, è letteralmente la stessa generazione”, dice. “Per noi non c'era democrazia prima di Internet. La democrazia arriva con Internet. ”

E poi Tang fa un passo avanti la congruenza, a Taiwan, dice,“ la democrazia stessa è una tecnologia ”costantemente soggetta a iterazioni sperimentali e miglioramenti incrementali. “A partire dal 1991 per 2005 “, afferma Tang,” la costituzione ha subito sette emendamenti. “[This] ha impresso sulla nostra generazione che anche la stessa costituzione è una tecnologia sociale. Per quanto tu possa provare diversi design di semiconduttori, puoi provare diversi [constitutional] design. “

Secondo Eryk Waligora, uno studente laureato specializzato in studi internazionali presso l'Università di Washington con un focus su Taiwan, il ritmo del cambiamento legislativo a Taiwan ha solo accelerato sotto Tsai Ing-wen. Da 2016, lui dice 20 nuovi atti o emendamenti relativi alle questioni della “cyber e tecnologia dell'informazione” si sono spostati attraverso il legislatore.

Il senso che tutto sia possibile motiva la sperimentazione e l'attivismo. Ma una forza propulsiva altrettanto importante è la paura incitata da ciò che Mei-Chun Lee definisce il “vicino molto ambizioso di Taiwan”

Per Audrey Tang e la generazione di Mei-chun Lee, la crescente ostilità della Cina nei confronti dell'indipendenza di fatto di Taiwan è sia un chiaro stimolo all'azione che un costante promemoria su come la tecnologia non essere utilizzato. “Molti dei nostri dibattiti politici sono incentrati sul non essere la RPC”, afferma Tang. “Ad esempio, ogni volta che vogliamo parlare di contro-disinformazione, qualsiasi cosa intorno alla censura è un non avviatore.”

“Non possiamo intrattenere l'approccio del PRC al loro sforzi di armonizzazione “, dice Tang. “Più si sviluppano, più svantaggi vediamo dalla nostra lente dei diritti umani e della democrazia. Siamo tipo “OK, non dovremmo assolutamente andarci”.

Le tensioni tra Cina e Taiwan sono persistite da quando il nazionalista Il governo KMT guidato da Chiang Kai-shek perse la guerra civile cinese contro i comunisti e si ritirò a Taiwan nel 1940S. Per decenni sia il KMT di Taiwan che il PCC cinese si sono considerati il ​​legittimo sovrano di entrambi gli stati.

Ma un cambiamento cruciale nel modo in cui Taiwan vede se stessa ha si è evoluto negli ultimi decenni. Secondo Kharis Templeman , un politologo di Stanford che studia politica taiwanese. “Chiunque abbia raggiunto la maggiore età 1991 è stato educato secondo un curriculum educativo incentrato su Taiwan che ha insegnato loro che Taiwan è in realtà una cosa distinta e non fa parte della Cina “, dice. “Ci sono molti giovani che vedono la minaccia che emana ora dalla RPC come qualcosa su cui dovrebbero spendere le loro vite per combattere, per spingere contro.”

Il movimento dei girasoli, infatti, è stato innescato dal tentativo del governo KMT di intralciare la legislazione ampliando gli scambi con la Cina senza osservare le appropriate procedure parlamentari. Le azioni del KMT hanno scatenato paure popolari sull'integrazione economica con la RPC e una profonda rabbia per la violazione delle procedure democratiche. “Penso che il vantaggio che deriva dall'avere un nemico così chiaramente definito e innegabile attraverso gli stretti sia che motiva davvero aspetti dell'attivismo democratico su tutta la linea”, dice Waligora. “Alla fine della giornata è più facile per il governo, il settore privato e la società civile allinearsi ai principi fondamentali.”

L'imposizione unilaterale del Partito Comunista Cinese nel giugno di un

nuova legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong , progettata per reprimere l'anti- le proteste del governo non hanno fatto altro che aumentare il contrasto tra Taiwan e la Cina su questioni relative alla libertà di parola e alla democrazia.

Templeman di Stanford mette in guardia dal leggere troppo nella retorica della democrazia digitale a Taiwan. Pur riconoscendo che esiste “molto DNA della Silicon Valley” a Taiwan a causa di decenni di coinvolgimento di Taiwan nelle industrie informatiche, interpreta la nomina di Tang come ministro digitale come un segnale principalmente simbolico per la società civile che il governo era allineato con i valori dei manifestanti del Movimento dei girasoli – un segnale di solidarietà con il settore della tecnologia civile, in altre parole, piuttosto che un reale impegno a rifare radicalmente il governo.

“Tang è un volto molto importante dell'amministrazione”, afferma Templeman. “In un certo senso, è quasi un indicatore finale, piuttosto che un indicatore principale. Non sarebbe in quella posizione se questa amministrazione non fosse già abbastanza aperta a impegnarsi con la società civile. “

In tal senso, poteva essere vista come poco più di una polena, una caratterizzazione forse sottolineata dalla sua riluttanza a comportarsi come un leader tradizionale. A volte, dice Mei-chun Lee, l'esplicito rifiuto di Tang di essere più forte ha deluso i membri della comunità g0v.

L'incoraggiamento di Tang a “Altri modi partecipativi per invitare i cittadini a essere coinvolti nelle discussioni sono molto buoni”, afferma Lee, “ma d'altra parte le persone vogliono lei per dare comandi. ” I critici di Tang, dice Lee, credono di non aver fatto abbastanza per aprire davvero i processi di governo del governo al controllo pubblico. Preferirebbero che lei impartisse comandi piuttosto che essere un condotto.

Eppure anche nel contesto della loro insoddisfazione occasionale per l'approccio di Tang al governo e la loro diffidenza nei confronti delle implicazioni sulla privacy di alcuni degli approcci tecnologicamente assistiti dal governo per contenere Cov – 15, “Partecipanti g0v”, dice Lee, “sono disposti a lavorare con il governo di Tsai perché Tsai rappresenta i valori di apertura”.

Che, ancora una volta, riporta alla fiducia la conversazione su Tang e Taiwan.

Nel suo ricerca sul campo a Taiwan, Waligora ha chiesto a tutti i suoi argomenti di intervista quali fossero le “maggiori minacce alla democrazia di Taiwan”. La Cina, ovviamente, al primo posto. Ma quasi della stessa importanza era il problema della fiducia, in particolare il tipo di fiducia tra società e governo erosa dalla “disinformazione digitale”.

Gli sforzi di Tang per “sostenere una più ampia alfabetizzazione digitale dell'impegno civico”, afferma Waligora, affrontano esattamente queste insicurezze. Sia come programmatore di software che come funzionario del governo, Tang si è costantemente concentrato sulla costruzione di strutture che consentano la condivisione di idee e punti di vista. Dare un comando unilaterale non ha senso in quel contesto.

Per Tang, l'agevolazione è l'essenza della leadership. Ciò significa che Tang stessa è un altro “vaso vuoto” daoista in attesa di essere riempito di significato. Il suo significato come simbolo per la sua generazione o per l'idea di democrazia digitale o per la nozione di “consenso generale” è come un ricettacolo in cui gli hacker di Taiwan possono riporre la loro fiducia.

È a questo punto che un osservatore degli Stati Uniti in cerca di soluzioni al governo disfunzionale può iniziare a disperare. L'idea che il modello di Taiwan sia basato sul rafforzamento della fiducia reciproca tra le diverse parti della società è scoraggiante per i veterani di decenni di intensificazione della polarizzazione nella politica americana. L'idea che un programma software, per quanto sofisticato, sia in grado di affrontare le guerre culturali in 2020 L'America sembra ridicola.

Quale possibile utilità potrebbe fornire un'app di localizzazione di maschere ingegnosa in un paese in cui la vera questione se si debba indossare una maschera può essere modellata dall'identità politica di sé? E se uno dei grandi punti di forza di Taiwan è che esiste un'identità taiwanese emergente che custodisce la democrazia, come può quell'etica indigena essere sradicata e trasferita in un altro vaso?

Alla fine di un 0058 – minuto colloquio con Tang, ho espresso i miei dubbi sul fatto che il suo approccio potesse funzionare in un società in cui la fiducia reciproca sembrava fondamentalmente rotta. Esisteva un modo per risolverlo?

Era, sapevo, una domanda impossibile a cui rispondere. Ma è anche una domanda che Audrey Tang viene posta continuamente. Ed era pronta.

“Il mio consiglio principale è di iniziare in piccolo e di non prescrivere nulla. Non fare discorsi lunghi. Invece, inizia a progettare spazi affinché le persone possano partecipare. ”

E poi ha iniziato a citare di nuovo dal Dao De Jing.

La natura non fa discorsi lunghi.

Un turbine non dura tutta la mattina.

Un lampo non dura tutto il giorno.

Chi crea il vento e la pioggia?

Cielo e terra fanno.

Se il cielo e la terra non continuano all'infinito,

certamente le persone non ne hanno bisogno.

Le persone che lavorano con Tao

sono persone del Tao,

appartengono alla Via.

Le persone che lavorano con il potere

appartiene a energia.

Le persone che lavorano con la perdita

appartiene a ciò che è perduto.

Regalati to the Way

e sarai a casa lungo la Via.

Concediti al potere

e sarai a casa al potere.

Concediti alla perdita

e quando ti perdi ' sarò a casa.

Per non dare fiducia

non deve avere fiducia.

Come può il resto del mondo imitare Taiwan? Forse la risposta è semplice come questa: assomiglia di più a Audrey.


Altre fantastiche storie CABLATE