chi-e-lady-whistledown-in-bridgerton:-spiegazione

Chi è Lady Whistledown in Bridgerton?”: la domanda che tormenta tutto il pubblico appassionato alla serie tv, disponibile in streaming su Netflix dal 25 dicembre, trova finalmente risposta nell’ottavo e ultimo episodio della prima stagione.

ATTENZIONE: quello che segue è la spiegazione integrale del finale della prima stagione di Bridgerton e include grossi spoiler su tutto quello che succede. Se non avete ancora concluso la visione della prima stagione o non volete guastarvi le sorprese, vi consigliamo di non proseguire la lettura. Se invece volete scoprire chi è Lady Whistledown, subito dopo l’immagine troverete tutta la spiegazione completa.

Da sinistra: Phoebe Dynevor (Daphne Bridgerton) e Regé-Jean Page (Simon Basset) in Bridgerton. Credits: Liam Daniel/Netflix.
Da sinistra: Phoebe Dynevor (Daphne Bridgerton) e Regé-Jean Page (Simon Basset) in Bridgerton. Credits: Liam Daniel/Netflix.

continua a leggere dopo la pubblicità

A differenza dei fan di Gossip Girl, il pubblico di Bridgerton non dovrà aspettare il finale di serie per scoprire l’identità della voce narrante che tira le fila del racconto.

Nell’edizione originale, è l’iconica Julie Andrews a prestare la voce a Lady Whistledown. “Era in cima alla lista dei nostri desideri, non avremmo mai pensato che avrebbe detto di sì” racconta ancora emozionato Chris Van Dusen, lo showrunner della serie, a Tvserial.it, ricordando come è riuscito a coinvolgerla.

Le mandammo le sceneggiature, lei le lesse e volle prender parte al progetto” aggiunge Van Dusen, che ricorda quanto è stato piacevole lavorare con lei. “È una professionista, una leggenda vivente, e nell’interpretare Lady Whistledown, dice le cose che meno ci si aspetterebbe da Julie Andrews”.

Come nei romanzi di Julia Quinn, anche nella serie targata Shondaland la figura di Lady Whistledown è avvolta da una mistica che aggiunge mistero e intrigo ad una storia già ricca di colpi di scena. Nessuno dei personaggi sa chi si celi dietro allo pseudonimo di Lady Whistledown: in inglese, “Whistle” significa “Fischio”, e l’espressione “Whistle down the wind” viene usata per indicare l’abbandono.

continua a leggere dopo la pubblicità

All’indomani dell’inaugurazione della stagione sociale del 1813, un foglio inizia a circolare tra gli aristocratici e gli altolocati della Londra ai tempi dell’età della Reggenza. La pubblicazione, firmata dalla misteriosa eppure apparentemente onnipresente Lady Whistledown, rivela scandali, retroscena e pettegolezzi sui protagonisti della ribalta socialita londinese.

Se nella sua prima edizione, Lady Whistledown celebrerà Daphne Bridgerton (Phoebe Dynevor) per essere stata nominata dalla Regina Charlotte (Golda Rosheuvel), nelle pubblicazioni successive sarà meno clemente con le famiglie di Mayfair. Portia Featherington (Polly Walker) sarà particolarmente furiosa con la misteriosa autrice per il modo in cui si accanisce nei confronti delle figlie e in quelli di Marina Thompson (Ruby Barker).

Determinata a smascherarla, Eloise Bridgerton (Claudia Jessie) intraprenderà una missione per conto della Regina. Inizialmente tenterà di coinvolgere la sua grande amica Penelope Featherington (Nicola Coughlan), ma la riluttanza di quest’ultima sembra motivata dal triangolo amoroso che la vede coinvolta con Marina e Colin Bridgerton (Luke Newton), del quale è segretamente innamorata. Inizialmente i suoi sospetti vertono su Genevieve Delacroix (Kathryn Drysdale), la sarta dell’alta società che intesserà una relazione con Benedict Bridgerton (Luke Thompson). Sarà proprio quest’ultimo l’alibi che escluderà Genevieve dalla lista delle possibili Lady Whistledown.

Quando Eloise apprende del piano della Regina Charlotte per catturare Lady Whistledown mentre si reca dallo stampatore quella stessa notte, la giovane Bridgerton si recherà sul luogo dell’agguato e avviserà la carrozza con a bordo la misteriosa scrittrice di fuggire prima che gli uomini della regina la catturino.

continua a leggere dopo la pubblicità

Eloise decide di difendere Lady Whistledown e di proteggere il suo anonimato perché la stima: in fondo, Whistledown è una donna autrice in un mondo dominato dagli uomini. Seppur parlando di pettegolezzi, Whistledown è riuscita a far sentire la propria voce e a farsi dare retta da tutta Londra. Per questa ragione, Eloise vede in Lady Whistledown una sorta di modello a cui aspirare.

Negli istanti finali della prima stagione, Lady Whistledown si trova al sicuro dentro la carrozza che l’ha portata via dal tentativo di cattura. L’autrice abbassa il cappuccio che le copre il volto e rivela la propria identità allo spettatore.

Si tratta di… Penelope Featherington. La rivelazione corrisponde fedelmente a quella dei romanzi, dove la piccola Featherington si scoprirà essere la scrittrice di gossip. Molti elementi indicavano questo esito, a partire dal segreto di Marina Thompson che Lady Whistledown dà in pasto ai suoi lettori: Penelope e poche altre persone ne erano a conoscenza, e sarà la pubblicazione a far scoppiare l’idillio tra lei e Colin.

La timida Featherington si rivela il personaggio più arguto della serie. Chapeau!

Leave a Reply