che-fatica-essere-single!

C’è chi sola proprio non sa stare, anche a rischio di infilarsi in situazioni e relazioni che sono tutt’altro che idilliache e chi, invece, in quella solitudine ha imparato a splendere nonostante le pressioni della società che si sa, fa ancora un po’ fatica ad accettare le scelte di tutte quelle donne che hanno obiettivi diversi da quello di sposarsi e diventare madri.

Essere single per molte è una conquista, una scelta di libertà e indipendenza conquistata non senza fatica, la stessa scelta che in molte invidiano. Si perché non avere un partner vuol dire che non si deve rendere conto delle proprie scelte a nessuno, vuol dire avere tutto il tempo per sé per dedicarsi alle passioni, al divertimento e alle vacanze senza obblighi o doveri nei confronti di qualcun altro o della famiglia.

E guardando tutto da questa prospettiva è chiaro a tutti che restare soli ha i suoi vantaggi. Ma è solo un’illusione perché nella realtà la vita da single è tutt’altro che semplice e, anzi, sa essere molto faticosa. Se non per il cuore, sicuramente per le relazioni sociali ma soprattutto per le tasche.

Il problema non è la paura della solitudine

Chi è single per scelta non ha paura di esserlo, questo è certo. Quei vuoti con i quali tutti abbiamo paura di confrontarci, infatti, vengono colmati con abitudini e gesti quotidiani che mettono al primo posto solo e soltanto se stessi. E questo è meraviglioso, non credete?

Ma scegliere di non avere un partner, questo è chiaro, non vuol dire rinunciare ad avere una vita sociale. Eppure a volte succede che da quelle reti sociali che sostengono si viene esclusi inevitabilmente. Accade quando amici e familiari sono felicemente accoppiati, e piuttosto che uscire e organizzare cene preferiscono trascorrere le serate all’interno delle pareti domestiche dedicandosi a coccole e a intimità.

Questa voglia di ritirarsi all’interno del calore domestico, che appartiene sopratutto al periodo invernale, è aumentata a dismisura dopo due anni di emergenza sanitaria e lockdown. Va da sé, quindi, che essere single diventa faticoso e a volte anche triste e avvilente.

Mantenere relazioni sociali, non per forza di tipo sentimentale, diventa sempre più difficile. Certo, c’è chi non si perde d’animo e organizza vacanze, gite fuori porta e uscite anche in solitudine, ma la verità è che siamo animali sociali e arriva per tutti quel momento in cui si sente l’esigenza di condividere il proprio tempo con qualcuno.

Ma c’è anche un’altra fatica all’orizzonte di chi è single, ed è quella che ha a che fare con le tasche, e che ci riguarda da vicino. Nel nostro Paese, infatti, essere single non conviene dato che, secondo recenti dati, per le persone senza un partner la vita è molto più cara rispetto a chi ha marito e figli.

Essere single non conviene più

Dopo anni di battaglie e di rivendicazioni di uno status che è sempre appartenuto più agli uomini che le donne, le persone single si trovano a fare i conti con un’altra amara verità. Non ci sono solo i giudizi e i pregiudizi da sopportare, ma anche spese che giorno dopo giorno diventano più insostenibili.

A confermarlo è un recente report di Coldiretti che, in occasione del Single Day, ha diffuso dati per niente incoraggianti per tutti i single d’Italia. L’indipendenza sentimentale, infatti, non sempre corrisponde a quella economica, e questo è vero soprattutto adesso che stiamo attraversando una delle più grandi crisi energetiche ed economiche di sempre.

L’aumento della vita, delle bollette e dei consumi in generale, grava molto di più sulle persone che hanno scelto di vivere da sole rispetto a chi è felicemente, o meno, accoppiato. Secondo il report, infatti, i single arrivano a spendere per cibo e bevande il 55% in più rispetto a chi è in coppia. Ma questo è poco se si pensa che i costi legati all’affitto o alla vendita di una casa salgono fino al 140% in più per le persone sole.

Il fenomeno, secondo Coldiretti, non è destinato a rallentare e, anzi, con i single sempre più in aumento, il caro vita diventerà un vero e proprio problema che diffuso. Insomma, essere single non conviene più.