caso-montesano,-l’avv.-bernardini-de-pace-rompe-il-silenzio:-“la-rai-ha-sbagliato-tutto,-vi-spiego-perche”

Il ‘caso’ Enrico Montesano continua ad essere oggetto di dibattito tra gli appassionati di televisione. L’avvocato Annamaria Bernardini de Pace ha dichiarato perché, a suo avviso, la decisione di squalificare il comico da ‘Ballando con le Stelle’ è sbagliata.

Il 14 novembre, poche ore dopo la puntata del sabato di ‘Ballando con le Stelle’, la Rai decideva di squalificare Enrico Montesano dal talent show condotto da Milly Carlucci. Il motivo? Durante le prove, il comico ha indossato una maglietta della X (decima) Mas con lo slogan ‘Memento Audere Sempre’. Nonostante l’episodio risalisse a diversi giorni prima, domenica 14 novembre Selvaggia Lucarelli lo faceva notare sui suoi seguitissimi profili social. Il suo post fu ripreso da decine di quotidiani online e l’argomento diventò ‘caldissimo’ sui social.

Dopo numerose pressioni alla Rai da parte dei suoi telespettatori, Montesano fu squalificato ufficialmente dal talent. Nel comunicato Rai si leggeva che è “inaccettabile” che sulle reti del Servizio Pubblico sia comparso uno slogan che “richiama ad una delle pagine più buie della nostra storia”. La decisione è stata commentata da migliaia di persone, molte delle quali a favore delle decisione della Rai. Non manca, però, chi l’ha ritenuta eccessiva. Alle voci ‘fuori dal coro’ appartiene quella dell’avvocato Annamaria Bernardini de Pace, diventata famosa per essere stata il legale di numerosi VIP negli ultimi trent’anni. Di recente ha fatto parlare di sé per aver lanciato una frecciatina a Francesco Totti e durante un’intervista a ‘Belve’: “Francesco Totti? Chi è? Non lo conosco”. Con l’ex capitano della Roma, infatti, il rapporto professionale si è interrotto a causa dei numerosi disaccordi sulla causa di separazione da Ilary Blasi.

L’avv. Bernardini de Pace dalla parte di Enrico Montesano

Nel pomeriggio oggi la Bernardini de Pace è stata ospite di ‘Casa Pipol’, trasmissione web che va in onda sui social di Pipol News. Le Donatella, ospiti in veste di ‘giornalista’ le hanno chiesto un parere sul Caso Montesano: “L’eliminazione è giusta? Cosa pensa del caos che si è creato?”. La risposta della giurista non lascia spazio a dubbi: “Un gesto orrendo da parte della Rai. La Decima Mas è stata un reparto della Marina Militare che si è fatto riconoscere anche per cose bellissime. Il motto ‘Memento audere semper’ è stato inventato da Gabriele D’Annunzio, che ricordiamo con onore come un grande della letteratura italiana. Nel 1943, un fascista, cioè Borghese, si è appropriato della Decima Mas, questo è un fatto storico. Enrico Montesano, che mi pare sia stato sempre di sinistra, non voleva proporre quel motto come una rivisitazione del fascismo. Doveva essere capito”.

E ancora: “Chi dirige la Rai deve capire che gli 80enni come Montesano e Remigi hanno una versione diversa della vita. Punire due ottantenni vissuti in una cultura diversa credo sia eccessivo. Come finisce? Io farei causa alla Rai. L’hanno visto tutti, l’hanno ripreso, dobbiamo sempre aspettare che sia la Lucarelli a fare casino? C’è una responsabilità, che nel linguaggio giuridico si chiama culpa in vigilando, della Rai, che ha vigilato male. Dovevamo proprio togliergli il contratto, punirlo così? Per me è eccessivo”. Il direttore di Pipol, Gabriele Parpiglia, però, si dice d’accordo con la decisione della Rai, pur ammettendo che non avrebbe mandato in onda le scene di Montesano con la maglietta che recitava quelle tre parole per evitare sul nascere ogni polemica.

LEGGI ANCHE: “Enrico Montesano rientra a Ballando con le Stelle”: la clamorosa suggestione nello studio di Mara Venier