caccia-in-citta,-ok-del-governo-all’emendamento-in-manovra

Caccia in città, ora è ufficiale. A concedere l’autorizzazione la Commissione Bilancio della Camera. D’ora in poi quindi l’attività venatoria sarà permessa anche laddove fino era proibita, quindi anche nei parchi urbani e nelle aree protette. E anche sotto il profilo della tempistica non ci saranno restrizioni: i fucili potranno ‘cantare’ anche quando di norma dovrebbero restare muti. La misura ha lo scopo di contenere le specie selvatiche, che ultimamente avevano preso un po’ troppo possesso delle città, spingendosi dalle zone periferiche finanche a quelle più centrali. E le reazioni non si sono fatte attendere. Su tutte, quelle dei movimenti animalisti e ambientalisti.

CACCIA IN CITTÀ, GLI ANIMALI SI POTRANNO ANCHE MANGIARE 

Le quali sottolineano in primo luogo come sia stata violata la normativa UE denominsta Habitat, che tutela la biodiversità. Non solo: nel mirino c’è anche l’osservanza dell’articolo 9 della Costituzione. Senza dimenticare i pericoli per animali e persone. A tali osservazioni i promotori dell’emendamento replicano che le autorità coordineranno le operazioni, effettuate in collaborazione con cacciatori con licenza e forze dell’ordine. Inoltre gli animali abbattuti saranno analizzati dai veterinari e, in caso di esito positivo, destinati al consumo alimentare. Tra le specie coinvolte, oltre ai cinghiali, anche daini, nutrie e persino volpi, orsi e lupi.

Fabio Villani

Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica