bianca-atzei,-dopo-il-ricovero-torna-sui-social:-“ho-avuto-paura”

La gravidanza tanto desiderata, l’amore del compagno Stefano Corsi, l’affetto dei fan. Per Bianca Atzei sembra essere un periodo al settimo cielo, almeno fino alla scorsa settimana quando la cantante – al nono mese di gravidanza – è stata ricoverata d’urgenza in ospedale a causa di una grave polmonite. Dopo giorni di paura e preoccupazione sia per lei sia per il bambino Noa Alexander, la cantante è tornata su Instagram per rassicurare i suoi fan in merito alle condizioni di salute. Bianca si è mostrata, attraverso le stories, con la faccia provata dalla preoccupazione ma con un barlume di serenità negli occhi e, direttamente dal letto dell’ospedale, ha raccontato quanto accaduto nei giorni scorsi.

LEGGI ANCHE > Bianca Atzei preoccupa i fan per il ricovero in ospedale: Stefano Corti fa chiarezza

Bianca Atzei ricovero come sta oggi? “Mi sto riprendendo”

La cantante ha esordito con un messaggio d’affetto per i fan, sottolineando quanto sia stato fondamentale l’amore e la vicinanza della sua community: “Oggi sono un bel po’ più leggera e molto più serena quindi volevo fare questo video per ringraziarvi per tutto l’affetto e l’amore che mi avete mandato attraverso i messaggi. Siete stati una salvezza perché non mi avete mai fatto sentire sola”. E poi ha proseguito aggiornando i follower sulla sua salute: “Sto nettamente meglio. Il mio bimbo sta bene ed è monitorato 24 ore su 24, ma è dentro la mia panciona al sicuro”. Però la paura è stata tanta…

LEGGI ANCHE > Bianca Atzei a Le Iene: “Sono grata perché mio figlio arriva dopo tre anni di tentativi”

Bianca Atzei ricovero gravidanza a rischio: “Ho rischiato di dover partorire”

Dopo aver rassicurato i fan in merito alla sua salute e quella del bambino, Bianca Atzei ha raccontato la paura vissuta durante l’urgente ricovero dovuto alla polmonite: “Ho passato giorni complicati con esiti in continuo peggioramento a causa di un’infezione. Ho rischiato di dover partorire e fare delle trasfusioni. Sono stata fortunata e sono stata nelle mani di grandi dottori che, oltre ad aver usato la loro professionalità, hanno messo anche il cuore. Hanno curato subito l’infezione dopo qualche giorno si è ristabilito tutto. Non vedo l’ora di tenere in braccio Noa Alexander e sono sicura che passerà tutta la paura che ho provato”.