bastoncini-di-salame-citterio-contaminati:-focolaio-di-salmonella-e-ricoveri-negli-usa

Allerta Salmonella negli Stati Uniti. Ad essere contaminati i popolari bastoncini di salame a marchio Citterio, venduti principalmente nella catena di supermercati supermercati Trader Joe’s. Finora sono una ventina i casi di salmonellosi registrati in otto Stati americani e tre i ricoveri ospedalieri.

Il Food Safety and Inspection Service ha fatto sapere che al momento non è stato disposto nessun richiamo in quanto non sono stati identificati dei lotti specifici e pare che i prodotti interessati, ovvero i “Salame Sticks All Natural Premium Italian Style” (confezionati prima del 25 ottobre) non sono più più in commercio. 

La raccomandazione è quella di non mangiare i bastoncini di salame in questione per precauzione e di buttarli via o riportarli al punto vendita. Inoltre, viene consigliato di lavare accuratamente gli oggetti e i contenitori che sono entrati a contatto con l’alimento potenzialmente contaminato. 

Gli alimenti contaminati dai batteri della Salmonella di solito non hanno un aspetto, un odore o un sapore alterati. Chiunque può ammalarsi di un’infezione da Salmonella, ma neonati, bambini, anziani e persone con un sistema immunitario indebolito sono a maggior rischio di malattie gravi perché il loro sistema immunitario è fragile – spiega il Centers for Disease Control and Prevention – Chiunque abbia mangiato uno dei prodotti sopra elencati e sviluppato sintomi di infezione da Salmonella dovrebbe consultare un medico. Le persone malate dovrebbero informare i loro medici della possibile esposizione ai batteri della Salmonella perché sono necessari test speciali per diagnosticare la salmonellosi. I sintomi dell’infezione da Salmonella possono simulare altre malattie, portando spesso a diagnosi errate.

I sintomi dell’infezione da Salmonella possono includere diarrea, crampi addominali e febbre entro 12-72 ore dopo aver mangiato gli alimenti contaminati. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Centers for Disease Control and Prevention

Leggi tutti i nostri articoli sulle allerte alimentari: