Antonella Clerici cucina in diretta con la figlia: com’è diventata Maelle

Antonella Clerici in collegamento con Mara Venier ha parlato del rapporto con il suo Vittorio, con la sua splendida famiglia allargata e del suo lavoro. Poi, c’è stato un momento tra madre e figlia.

Antonella Clerici: la conduttrice si racconta ai microfoni di Mara Venier

La spumeggiante conduttrice di E’ sempre mezzogiorno in collegamento con Domenica In ha parlato a cuore aperto della sua vita.  Direttamente da Arquata Scrivia, Antonella ha raccontato alla splendida Mara Venier e al pubblico del programma tutte i successi professionali e sentimentali che la riguardano.

“Tutti i giorni vado e vengo da Milano, perché mi piace tornare a casa, dai miei affetti. Qui c’è Maelle, Vittorio, i suoi figli, i nostri cani. Qualche volta, rarissimamente, mi fermo a Milano. Sono cinquanta minuti di auto, nel tragitto leggo, guardo le mail, così quando arrivo a casa spengo tutto e mi dedico alla mia famiglia”. La conduttrice come ben si evince dalle sue parole è molto devota alla sua famiglia.

Antonella Clerici: le sue parole per l’amica Mara Venier

Antonella Clerici ha raccontato della sua nuove vita. Il passaggio dalla città al bosco non è stato per lei difficile:“Io come te abbiamo fatto un patto con il pubblico raccontarci molto – ha dichiarato la bionda Clerici alla collega Mara Venier – Mettiamo il cuore nelle interviste, in qualsiasi cosa facciamo. Mi sembrava giusto ripartire raccontando cosa ho imparato io dal bosco, dall’orto, dalla natura”.

Leggi anche —->Sanremo, bomba su Amadeus: spunta il nome del sostituto, conduttore amatissimo

Leggi anche —-> Che Dio ci aiuti, Francesca Chillemi e Erasmo Genzini: retroscena sulla vita privata

Poi ha aggiunto:”Io ero una cittadina, abituata a vivere a Roma. Mi sono trovata catapultata in una realtà molto più piccola ma molto bella. È scoppiata la pandemia e sono stata una privilegiata, ma quando ho fatto questa scelta pochi ci credevano, mi dicevano ‘Vedrai, ti annoierai’. Mi mancano gli amici, certo, ma ci si sente, la tecnologia aiuta. La cosa bella è essere qui, immersi in questo bosco, e mi piace moltissimo”.

Related Posts