animali-massacrati-e-venduti-nei-discount-–-video

In alcuni video viene documentata la carneficina di pollame: animali massacrati e venduti nei discount, scattano le proteste.

massacro pollame
foto Adobe

Proteste nelle scorse ore fuori da un supermercato di Swindon, nel Regno Unito, per avvertire gli acquirenti di episodi di crudeltà sugli animali. Si estendono, di ora in ora, le polemiche contro un noto marchio di discount, che adesso vedono in prima linea gli attivisti animalisti di Humane League UK.

La protesta riguarda il fatto che il rivenditore faccia affidamento su polli malsani a crescita rapida. Di recente, un’indagine ha rilevato che il pollame vive in condizioni non igieniche presso fornitori in Spagna (Sada) e Germania (Rothkötter). Le polemiche sono tante ed estese, visto che si tratta di episodi ritenuti a breve distanza.

Le proteste contro gli animali massacrati in alcuni allevamenti intensivi

inchiesta pollame
foto Adobe

Il noto marchio discount, da parte sua, nelle scorse ore si è difeso su specifici episodi, sottolineando che il fornitore mostrato nei filmati e nelle fotografie utilizzate dalla Humane League non fornisce prodotti per i negozi britannici. I polli in quegli allevamenti soffrivano di condizioni come la zoppia, causata da una cartilagine malformata che rende gli uccelli incapaci di camminare correttamente.

Soffrivano anche di un tipo di compressione spinale che costringe gli animali a sdraiarsi sulla schiena. Matthew Chalmers ha ribadito le accuse al noto discount, che agisce a livello globale, quindi ha dichiarato: “Le principali fonti di sofferenza mostrate in quelle indagini sono legate alla razza degli animali e ai problemi di salute causati dalla rapida crescita”.

La tipologia di polli da allevati cresciuti in maniera intensiva sono definiti “Frankenchickens” e secondo Chalmers costituiscono circa il 90% degli 1,1 miliardi di polli del Regno Unito allevati per la carne ogni anno. Queste razze di polli, che crescono dalla nascita al peso della macellazione in soli 35 giorni, hanno maggiori probabilità di contrarre alcune patologie.

LEGGI ANCHE –> Roberto Testa è morto dopo l’incidente sulla Maiella

Tra queste, ci sono infarto, zoppia, miopatia dell’Oregon nota come malattia del petto verde, ascite e insufficienza organica di vario tipo. La mancanza di mobilità negli uccelli in rapida crescita può portarli a morire di fame o morire di disidratazione. Nei video, si notano però anche episodi di violenza nei confronti di questi animali.

LEGGI ANCHE –> Lutto nel mondo delle serie TV: morto l’eroe dei Power Rangers

La Humane League è membro della Open Wing Alliance, una coalizione di oltre 90 enti di beneficenza per gli animali provenienti da 67 paesi. In queste settimane, l’organizzazione sta esortando gli acquirenti a firmare una petizione in cui chiede al noto discount di aderire alla politica sul benessere degli animali Better Chicken Commitment.

ATTENZIONE: IMMAGINI NON ADATTE A UN PUBBLICO SENSIBILE

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"