andrea-piazzola-rinuncia-all’eredita-di-gina-lollobrigida:-colpo-di-scena

Televisione

Nel corso di un’intervista a “La vita in diretta” l’ex assistente rivela cosa farà con i soldi lasciatigli dall’attrice

57a7e64939dc1cc2d31fb0d0f707d770?s=45&d=mm&r=g

Pubblicato su

Andrea Piazzola è si è reso protagonista di una nuova intervista a “La vita in diretta” dove ha voluto chiarire una volta per tutte la sua posizione riguardo l’eredità della compianta Gina Lollobrigida. Il notaio Barbara Franceschini ha effettuato la mattina del 24 gennaio l’apertura del testamento dove è stato possibile vedere la spartizione del patrimonio dell’attrice: una metà è andata al suo storico assistente, mentre l’altra metà è stata assegnata al figlio Andrea Milko Skofic.

L’ex factotum ha rivelato che “non prenderà neanche un centesimo” della fortuna lasciatagli dalla “Bersagliera”. Piazzola, infatti, ha dichiarato l’intenzione di usare quei soldi per realizzare i desideri della diva scomparsa:

Questi soldi confluiranno in un fondo, un trust. Gina ha designato una persona che tutti conoscono, che è Orazio Pagàni, una persona capacissima, sensibile, una persona onesta. Continuerò a imparare da qualcuno, senza di lui non saprei da dove iniziare. Sono grato a Gina per questo ruolo. La promessa che le faccio è che non la tradirò mai. La metà che ha lasciato a me desidero che sia messa a disposizione per i suoi desideri, quindi far conoscere l’arte. La mia parte sarà totalmente messa all’interno del trust che si occupa di queste cose.

Il 36enne ha anche rivolto un appello al figlio della protagonista de “La romana”:

Lei desiderava non lasciare nulla al figlio, la sua volontà è nota. Mi rivolgo al figlio, gli chiedo di rispettare la volontà della madre e di mettere anche la sua metà per onorare quello che ha fatto la madre. Glielo chiedo pubblicamente.

Milko e Gina hanno avuto un rapporto alquanto contrastato e lo stesso cardiologo dell’attrice, Francesco Ruggiero, ha raccontato che Lollobrigida gli aveva confidato di non voler lasciare nulla al figlio: “In più di un’occasione, al termine delle visite, la signora Lollobrigida mi disse: ‘mi voglio vendere tutto, mio figlio non deve avere nulla”. Proprio per questo, l’ex assistente ha esortato l’attore 65enne ad usare quei soldi per onorare la carriera artistica di sua madre.

Le accuse contro Andrea Piazzola

In questi giorni sta accelerando il processo in cui Piazzolla deve rispondere di alcuni fatti riscontrati dal tribunale tra il 2013 e il 2018 quando, secondo i giudici, l’ex assistente della diva avrebbe sottratto all’attrice contanti e beni per un valore complessivo stimato di circa 3 milioni di euro. La denuncia è partita dal figlio Milko insieme al nipote Dimitri e dall’ex marito della diva, l’imprenditore spagnolo Francisco Javier Rigau. Tutti e 3 lo hanno accusato di aver sfruttato Gina per i suoi interessi:

Milko Skofic, Dimitri e Rigau hanno fatto questa denuncia nei miei confronti dicendo che ho allontanato tutti, isolato Gina, sfrattato il nipote e che sono sparite delle cose. Nel processo sembra sia stato dimostrato che lo sfratto fosse iniziato due anni prima che arrivassi io, che i rapporti tra Milko e la mamma non fossero buoni, e che la volontà di vendere determinate cose è venuta da Gina, non da me. Questo lo hanno detto i professionisti che si sono interessati alle vendite, non io. Dove sono finiti i soldi? Lo abbiamo spiegato anche in tribunale. Gina ha sempre avuto un alto tenore di vita, come una diva che vive nel suo splendore. Il reato di truffa si concretizza se c’è un ingiusto profitto patrimoniale.

Finché è stata in vita, la Lollo ha sempre difeso il suo assistente con cui aveva un rapporto quasi di simbiosi. Andrea nel 2015 andò a vivere in casa della stessa Lollobrigida con la compagna Adriana dalla quale, nel maggio 2020, ha avuto una figlia che ha chiamato proprio Gina. Tutti e tre hanno vissuto assieme all’attrice nella sua casa, come una grande e felice famiglia. E così, infine, ha voluto ricordarla nella commozione:

Gina per me era tutto. La mia giornata, il mio tempo. Condividevo con lei gli amici, tutte le occasioni, Natale, Capodanno. 24 ore su 24, 365 giorni l’anno. Era una donna che andava oltre, non è un caso che sia riuscita a ottenere il successo in tutto quello che desiderava fare: pittura, scultura, fotografia, disegno, canto e cinema. Ha dell’incredibile questa donna.