Oltre 10.000 israeliani risultano positivi entro due settimane dalla ricezione della prima dose, mentre i test sugli anticorpi sugli operatori sanitari mostrano che “il vaccino funziona meravigliosamente” dopo la seconda dose.

Oltre 12.400 residenti israeliani sono risultati positivi al COVID-19 dopo essere stati vaccinati, tra cui 69 persone che avevano già ricevuto la seconda dose, che ha iniziato ad essere somministrata all’inizio della scorsa settimana, ha riferito il ministero della Salute.

Ciò equivale al 6,6% delle 189.000 persone vaccinate che hanno effettuato i test del coronavirus dopo essere state vaccinate.

Secondo i dati del ministero, 5.348 persone sono state trovate infette fino a una settimana dopo aver ricevuto il vaccino, delle 100.000 persone che sono state vaccinate e poi testate una settimana dopo – un tasso di infezione del 5,4 per cento di quelle vaccinate durante quel periodo.

Altre 5.585 persone sono risultate positive al virus tra l’ottavo e il 14 ° giorno dopo aver ricevuto il primo vaccino, l’8,3% delle 67.000 persone che sono state vaccinate e testate durante quel periodo post-vaccinazione.

Le persone sono risultate positive al test anche più di due settimane dopo aver ricevuto la prima dose, tra il 15 ° e il 21 ° giorno, un periodo durante il quale si prevede che sia già attiva l’immunità parziale. Delle 20.000 persone testate durante questo periodo post-vaccino, 1.410 persone sono risultate positive, circa il 7,2%. Delle 3.199 persone che hanno effettuato i test del coronavirus tra il giorno 22 e il giorno 28 dopo il primo vaccino , 84 sono risultate positive (2,6 per cento), comprese 69 persone che erano già state vaccinate due volte.

Circa 2,15 milioni di persone sono state vaccinate in Israele nell’ultimo mese, di cui 300.000 hanno già ricevuto una seconda dose.

In questa fase è ancora difficile trarre conclusioni definitive sull’efficacia del vaccino, nel bene e nel male. In alcuni gruppi di persone inoculate durante i diversi periodi post-vaccinazione, il rapporto dei test positivi corrisponde al rapporto dei test positivi nella popolazione generale, la stragrande maggioranza dei quali non era ancora vaccinata. Potrebbero anche esserci problemi legati al fatto che la maggior parte di coloro che sono stati vaccinati per primi e che hanno quindi accumulato il tempo più lungo dopo la vaccinazione hanno più di 60 anni.

Nel frattempo, i test sierologici effettuati sui dipendenti del Sheba Medical Center di Tel Hashomer una settimana dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer hanno mostrato che su 102 dipendenti testati, 100 avevano livelli di anticorpi tra 6 e 20 volte superiori a quelli presentati una settimana prima.Apri la visualizzazione galleria

Il personale di Sheba è molto incoraggiato da questi risultati e, secondo il Prof. Gili Regev-Yohai, direttore dell’unità di prevenzione e controllo delle infezioni dell’ospedale, “È emozionante. Significa che il vaccino funziona meravigliosamente e che speriamo di vedere un calo dell’incidenza dell’infezione in pochi giorni “.

Le statistiche sulle infezioni tra coloro che sono stati vaccinati nella popolazione generale illustrano l’importanza del passare del tempo nella costruzione dell’immunità. Secondo Pfizer, il grande salto nell’immunità dovrebbe avvenire tra il giorno 15 e il giorno 21, quando l’efficacia del vaccino dovrebbe passare dal 52% all’89%, dopodiché la seconda dose ha lo scopo di portare la percentuale vaccinata a uno stato. del 95% di protezione.

Ma queste statistiche, per quanto incoraggianti, non possono determinare il livello di protezione che il vaccino garantisce a ogni singola persona. Inoltre, più persone vengono vaccinate, più probabili saranno i divari tra i risultati di Pfizer nei suoi studi clinici e i risultati sul campo, non solo per quanto riguarda il livello di efficacia del vaccino per gli individui, ma per quanto riguarda la sua efficacia generale e capacità di fornire “immunità di gregge”. Ciò è particolarmente vero poiché non è ancora chiaro in che misura il vaccino protegge dalle mutazioni del virus .

Gli israeliani di età pari o superiore a 60 anni sono a questo punto la stragrande maggioranza dei destinatari del vaccino “veterani”, che hanno ricevuto l’iniezione due o più settimane fa. Ad oggi, l’86% delle persone di età compresa tra 70 e 79 anni è stato vaccinato, insieme all’80% di quelle di età pari o superiore a 80 anni e il 68% di quelle di età compresa tra 60 e 69 anni. Pfizer aveva riferito che il vaccino era stato altamente efficace tra le persone di età pari o superiore a 65 anni, fornendo una protezione del 95% tra i 7.000 partecipanti in quel gruppo di età nelle sue prove. Quella statistica dovrà dimostrarsi nella vita reale, poiché il proprio sistema immunitario si erode nel tempo e diventa meno potente rispetto a quello di una persona più giovane.

Si può vedere questo nel vaccino antinfluenzale , ad esempio, che è meno del 60 percento efficace tra coloro che hanno 65 anni e oltre, mentre è efficace dall’80 al 90 percento tra i giovani, anche quando il componente del vaccino è adattato ai ceppi di influenza più comuni durante una data stagione.

Ma l’età non è l’unico fattore che gioca un ruolo. L’erosione del proprio sistema immunitario può essere influenzata da eredità, stile di vita, esposizione ambientale e altro. Ecco perché negli anni sono stati sviluppati vari indici per misurare separatamente l ‘”età immunitaria”.

“La differenza nelle reazioni immunitarie tra le persone è enorme”, afferma il Prof. Yoram Reiter, esperto di immunologia molecolare presso il Technion – Israel Institute of Technology. “Nella maggior parte dei casi somministriamo vaccini ma non possiamo prevedere la forza della risposta o il livello di protezione, né a livello di anticorpi né a livello di protezione cellulare”.

La differenza più evidente che è evidente fino ad oggi è la risposta e gli effetti collaterali sperimentati dai vaccinati di età pari o inferiore a 55 anni rispetto a quelli che sono più anziani. Gli studi Pfizer hanno rilevato che l’incidenza degli effetti collaterali è diversa per i diversi gruppi di età.

“Questo non è unico per il vaccino contro il coronavirus”, dice Reiter, osservando che il “meccanismo di attivazione” del corpo, o il modo in cui il sistema immunitario risponde poche settimane dopo un vaccino, è diverso per i giovani che per gli anziani. “Con le persone anziane è generalmente a un livello inferiore in primo luogo, motivo per cui l’esposizione alla seconda dose, che imita il virus, genera una risposta meno potente. Ecco perché vediamo meno reazioni o effetti collaterali che esprimono la risposta attiva del sistema immunitario “.

Tuttavia, ha sottolineato, la mancanza di reazioni o effetti collaterali non indica che il vaccino sia meno efficace o che il proprio sistema immunitario sia carente.

Secondo il Prof. Zvika Granot, esperto di immunologia presso la Hebrew University Medical School, “Il sistema immunitario di una persona anziana è meno efficiente e questa è apparentemente la ragione delle differenze nelle reazioni. Un settantenne reagirà in modo diverso a un virus rispetto a un ventenne. La risposta alla seconda dose, a differenza della prima, è già la risposta dell’organismo al virus, o in questo caso la proteina che la cellula produce che imita il virus “.

Ha aggiunto: “In generale, un meccanismo immunitario acquisito è meno flessibile tra le persone anziane e in generale meno reattivo. Ciò significa una reazione più lenta e meno potente. Ciò non significa che il vaccino sia meno efficace. Ma certamente spiega perché tra le persone anziane una reazione esplosiva del sistema immunitario con effetti collaterali è meno comune “.