10-piatti-detox-da-mangiare-dopo-le-feste

10 piatti detox da mangiare dopo le feste

Non abbiate paura di ammetterlo, tutti abbiamo esagerato col cibo durante le feste natalizie. E come potrebbe essere diversamente: lasagne, cannelloni, tortellini, struffoli, panettoni. Questi sono solo alcuni dei piatti che hanno fatto da padrone sulle nostre tavole dal 24 dicembre al 6 gennaio. Adesso, però, è arrivato il momento di rimettersi in sesto mangiando sano cucinando tutte quelle bontà naturali che la nostra terra ci ha regalato.




Coni consigli della Dottoressa Francesca Marino – biologa nutrizionista affiliata alla cattedra Unesco – abbiamo selezionato tutti gli alimenti di stagione per poter creare a casa favolosi piatti detox senza rinunciare al gusto.

Piatti da associare a piccole attenzioni. «Non è necessario osservare digiuni prolungati o bandire pasta e pane dalla dieta, piuttosto basta combinare gli alimenti nelle giuste quantità, sfruttando le proprietà detox di frutta e verdura di stagione, e non dimenticare di fare un po’ di attività fisica – afferma la Marino – per almeno due settimane, evitare cibi grassi o zuccherini, alcolici, formaggi stagionati, e cibi confezionati, ricordando di idratare l’organismo con acqua, diminuendo l’apporto di sale, e prediligendo zuppe, minestroni e bevande calde o tiepide che aiutino a drenare i liquidi in eccesso».

Seguire un regime alimentare disintossicante non significa rinunciare a mangiare cose gustose, significa semplicemente che l’organismo ha bisogno di eliminare scorie e tossine che si sono accumulate durante un periodo di eccessi alimentari. Fortunatamente sono tantissimi gli alimenti invernali che fungono da veri e propri alleati per la nostra salute. Così, la Dottoressa Marino, ci fornisce  alcuni dettagli sulle principali caratteristiche di diversi alimenti, tra cui legumi, pesce, frutta e verdura, che combinati con cereali, preferibilmente integrali, saranno gli ingredienti che combineremo insieme per realizzare 10 gustosi piatti detox da mangiare per restituire benessere al nostro organismo.


I legumi


I legumi, in generale, sono un alimento pazzesco, perché rappresentano la vera alternativa alla carne. Contengono proteine e carboidrati, fibre, sali minerali, vitamine, antiossidanti, ed il loro consumo regolare è un toccasana per la salute. Aumentano il senso di sazietà, regolarizzano l’intestino, prevengono l’ipertensione, riducono il colesterolo e aiutano a regolare i livelli di glucosio nel sangue. Oltre a rafforzare le ossa, supportano il tono muscolare e combattono l’anemia. Mangiare legumi fa bene insomma, perfino contro gli inestetismi della cellulite. Spesso possono generare difficoltà digestive, gastriche e meteorismo. Per ovviare a questa problematica si consiglia di prediligerelegumi secchi o decorticati, non eccedere con le quantità, prestare attenzione alla pulizia, alla cottura e agli accostamenti.

Il pesce


È la fonte nutrizionale più affidabile di proteine e grassi. Una dieta ideale prevede 2-3 porzioni da circa 200g a settimana. E’ l’alimento più proteico dopo uova e latte, ed anche più digeribile, rispetto alla carne, grazie alla scarsa quantità di tessuto connettivo. Ma il vero beneficio del consumo di pesce è nel contenuto di grassi buoni (omega-3), particolarmente abbondanti nel pesce azzurro, salutari per il cuore ed importanti sia per la formazione del sistema nervoso, che per la protezione della retina dell’occhio, oltre ad esercitare un’azione antinfiammatoria.  Il pesce è la principale fonte alimentare di iodio, micronutriente localizzato principalmente nella tiroide, coinvolto nella regolazione della termogenesi, nel metabolismo dei macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi), e nella fissazione del calcio nelle ossa. E’ ricco di minerali e vitamine (A, D, E e K) benefiche per le ossa, le articolazioni, i muscoli, la pelle, gli occhi e per l’equilibrio metabolico

Carne bianca


Le proteine delle carni, ad elevato valore biologico, giocano un ruolo fondamentale nel rinnovare i tessuti oltre ad essere responsabili della formazione di ormoni, enzimi, anticorpi e amminoacidi utili nel metabolismo dei muscoli e nello smaltimento delle tossine. Rispetto alle carni rosse presentano un ridotto contenuto di grassi, soprattutto polinsaturi, e contengono pochissimo colesterolo. Tra le “bianche”, pollo e tacchino risultano sicuramente le più magre  (rispettivamente 110 e 107 kcal per ogni 100 g di prodotto) oltre ad essere molto più digeribili, tenere e quindi masticabili.

I broccoli


Nei mesi di inizio anno, sono sicuramente tra gli ortaggi invernali da mettere in tavola: un’ottima materia prima fresca e buona, ma soprattutto di stagione, che depura e disintossica. E’ ricco di vitamina C e di selenio, una sostanza nutritiva che aiuta a prevenire il cancro, in particolare  quello alla prostata, ai polmoni, alla mammella e al colon, e a contrastare gli agenti cancerogeni e le altre sostanze responsabili dell’invecchiamento cellulare. Sono ipocalorici (circa 34 Kcal ogni 100 grammi) e ricchi di fibre che oltre a saziare e ridurre l’appetito, accelerano il metabolismo e contribuiscono al buon mantenimento delle principali funzioni del corpo, risultando ideali per chi è a dieta. I broccoli ed affini sono appartenenti alla famiglia delle crucifere. Ricchi di vitamine, sali minerali e fibra alimentare (B1, B2, C, Calcio, Ferro, Fosforo e Potassio) sono particolarmente efficaci nella cura della tiroide grazie alla presenza delle tiossazolidoni. Hanno un potere antianemico, cicatrizzante, emolliente, diuretico, depurativo e vermifugo. Aiutano a rinforzare le difese immunitarie grazie all’alto potere antiossidante. I broccoli, come tutti i vegetali, combattono la ritenzione idrica in quanto aiutano l’organismo a disintossicarsi e ad eliminare prodotti chimici nocivi pericolosi. Forse non tutti sanno che la Rucola appartiene alla famiglia delle Crucifere, la stessa dei broccoli, quindi le proprietà sono più o meno le stesse. In più la rucola è ricca di beta-carotene, luteina e zeaxantina.

I finocchi


Apprezzati da sempre per la loro capacità di calmare i disturbi digestivi, ostacolano la ritenzione idrica e il gonfiore e sono dei potenti antiossidanti. Ottima fonte di vitamine (C, A e B6, acido folico e vitamina K), e di sali minerali (calcio, magnesio, ferro e il potassio). Hanno proprietà depurative del sangue e del fegato. Ottimi antinfiammatori, soprattutto per il colon. 

I carciofi


Ingrediente versatile in cucina, è buono sia crudo che cotto. Le foglie ed il cuore contengono  elementi importanti per la nostra salute. L’inulina, per esempio, è una fibra alimentare che promuove la crescita della microflora intestinale e garantisce l’equilibrio glicemico mantenendo stabili i livelli di glucosio nel sangue. Ma anche la amara cinarina, polifenolo che stimola la bile, aiuta la digestione dei grassi e possiede delle proprietà depurative e disintossicanti per fegato e cistifellea. Inoltre il consumo di carciofi aiuta anche ad abbassare i livelli di trigliceridi e di colesterolo cattivo innalzando quello buono. Ricerche scientifiche gli attribuiscono proprietà antiossidanti e antitumorali. 

Il tarassaco


Un vero superalimento, utile come diuretico sicuro e delicato grazie alla presenza di potassio. E’ una pianta spontanea commestibile che si trova in campagna e si differenzia dalla cicoria sicuramente dal fiore giallo in fase di infiorescenza. Antica pianta terapeutica promuove il rinnovamento del sangue e dei liquidi dell’organismo e favorisce la produzione di bile e stimola il fegato – soprattutto quando è appesantito – a ridurre il livello di colesterolo nel sangue. 

Le mele


Nelle dosi giuste, tutta la frutta fa bene, e questo si sa. Ma alcuni frutti, come ad esempio le mele, fanno un po’ più bene. Non a caso si è sempre detto “una mela al giorno toglie il medico di torno”. Succose e croccanti, sono ricche di fibre, vitamine e minerali sono un ottimo alleato per l’intestino. Inoltre aumentano il senso di sazietà e riducono il livello di colesterolo nel sangue. Fonte davvero importante di antiossidanti, rinforzano il sistema immunitario riducendo infiammazioni e combattendo i radicali liberi. 

I mandarini


Tra gli agrumi più coltivati al mondo, i mandarini contengono più zuccheri delle mele, e sono un toccasana per la presenza di vitamina C, fondamentale per sostenere le difese immunitarie soprattutto nei cambi di stagione. Sono un’ottima fonte di potassio, fosforo, magnesio e vitamine e antiossidanti.

Sfoglia la gallery per scoprire i 10 gustosi piatti detox da mangiare dopo le feste. Le dosi sono sempre per quattro persone. 

Related Posts

Leave a Reply